header Approfondimenti

Centrale Termoelettrica Regina Margherita

La centrale, installata nel setificio Egidio e Pio Gavazzi di Desio (MI), forniva corrente elettrica per l'illuminazione degli ambienti e per il funzionamento di milleottocento telai. Progettata al Politecnico di Milano, è stata realizzata abbinando una motrice a vapore della ditta Franco Tosi di Legnano a una coppia di alternatori dell'azienda Brown Boveri.


La 'Regina Margherita' al Museo

La "Regina Margherita" al Museo.

Una inaugurazione "regale"

L'inaugurazione della centrale risale al 9 novembre 1895. Alla cerimonia erano presenti re Umberto I e Margherita di Savoia, a cui la macchina è intitolata. Per l'evento, gli oltre duemila dipendenti -in prevalenza donne- indossavano un grembiule uniforme con il nome della ditta. La vita lavorativa della centrale è terminata nel 1954. Nel 1958, Guido Ucelli, fondatore del Museo, l'ha ricevuta in dono da Franco Gavazzi.


focus

Benché frutto della migliore tecnologia ottocentesca, la Regina Margherita non era una macchina all'avanguardia: all'epoca della sua creazione esisteva già la turbina a vapore, inventata dieci anni prima dall'inglese Sir Chrales Parsons.

La motrice a vapore 'Regina Margherita' quando era installata nella Tessitura Gavazzi di Desio

La motrice a vapore "Regina Margherita" quando era installata nella Tessitura Gavazzi di Desio.

La Centrale oggi

Originariamente la macchina era dotata di due elementi, oggi non visibili: una caldaia per produrre vapore e un dispositivo di distribuzione del vapore nei cilindri. Oggi la macchina è azionata da un motore elettrico: al momento della musealizzazione, è stata collegata ad esso tramite la catena che cinge la puleggia. Non produce più corrente. Benché frutto della migliore tecnologia ottocentesca, la Regina Margherita non era una macchina all'avanguardia: all'epoca della sua creazione esisteva già la turbina a vapore, inventata dieci anni prima dall'inglese Sir Chrales Parsons. In questo dispositivo la forza del vapore agisce direttamente sulle pale di una ruota (producendo così la rotazione necessaria al funzionamento degli alternatori). La turbina a vapore è più efficiente di un sistema con cilindri e pistoni perché permette di eliminare gli sprechi energetici dovuti alla trasformazione del movimento da alternato a rotatorio e alla trasmissione del movimento con biella, manovella e cinghia.


IL MUSEO DA NON PERDERE


Vai al percorso

Chi vi dà il benvenuto fin dal vostro arrivo al Museo?


Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio