header Approfondimenti

Detector magnetico Marconi

Tra il 1895 ed il 1896 Marconi inizia a sperimentare il suo apparato trasmettitore-ricevente finalizzato a trasmettere un segnale telegrafico senza l'ausilio di fili per il collegamento tra le due stazioni.

Detector magnetico Marconi

Detector magnetico Marconi modello industriale - 1910 circa

Una delle prime radio

Il trasmettitore è costituito da un rocchetto d'induzione, da uno scaricatore, da un tasto telegrafico e da un'antenna a lastra metallica. Il ricevitore era invece costituito da un coherer, dispositivo in grado di rilevare l'arrivo dell'onda radio tramite un tubetto di vetro contenente della limatura di ferro in grado di far passare corrente solo quando viene investito da un'onda radio.
Per mezzo di un opportuno circuito il coherer comanda la stampante telegrafica Morse che traccia su carta i punti e le linee del messaggio. Dopo ogni rilevazione di un impulso radio il coherer va leggermente scosso per metterlo in condizione di rilevare un nuovo impulso.

Prima di Marconi il coherer era stato studiato da Temistocle Calzecchi Onesti, dal francese Edouard Branly e dall'inglese Oliver Lodge, anche se nessuno di essi aveva pensato di costituire un sistema di comunicazione utilizzabili nella pratica.

Detector magnetico Marconi utilizzato nella campagna sperimentale a bordo della Carlo Alberto

Detector magnetico Marconi utilizzato nella campagna sperimentale a bordo della Carlo Alberto nell'estate del 1902.

La sintonia

Un primo importante passo nell'applicazione pratica della comunicazione radio è la possibilità di poter trasmettere e ricevere singole frequenze. I primi ricevitori infatti captavano tutti i segnali che giungevano all'antenna senza la possibilità di distinguere quelli provenienti dall'uno o dall'altro degli apparati che stavano trasmettendo in quel momento: i segnali potevano quindi sovrapporsi rendendo difficile la comprensione del messaggio, un problema sempre più grave man mano che aumentavano il numero delle stazioni trasmittenti e dei messaggi trasmessi.

Nel 1900 Marconi brevetta, con il numero 7777, un circuito che permette di sintonizzarsi su una specifica frequenza permettendo di selezionare la frequenza dell'onda radio trasmessa o ricevuta.

Sintonizzatore Multiplo Marconi-Franklin

Sintonizzatore Multiplo Marconi-Franklin, 1910 circa.
Questo dispositivo di sintonia collegato al detector magnetico permetteva di selezionare una sola frequenza tra tutte quelle ricevute dall'antenna della stazione ricevente. (detector magnetico e sintonizzatore marconi-franklin erano a bordo delle più importanti navi dell'epoca, tra cui il Titanic)

L'adozione del detector al posto del coherer

La crescente diffusione della radiotelegrafia senza ed il suo uso commerciale richiedono una grande affidabilità degli apparati utilizzati. Nel 1902 Marconi realizza il detector magnetico, un rivelatore molto più adatto al nuovo stato delle comunicazioni radio.
A questo apparato viene collegato un ricevitore telefonico, grazie al quale si ascoltano i punti e le linee del messaggio che deve essere trascritto a mano. Nel modello più diffuso ci sono due gruppi di rivelazione distinti, per due diversi radiotelegrafisti: se è necessario, questi possono anche ascoltare contemporaneamente lo stesso messaggio e confrontare quanto ricevuto per maggiore sicurezza.

Il detector magnetico rivela il segnale radio in un modo completamente diverso dal coherer. Una treccia di fili di ferro sottili scorre vicino ai poli di due magneti, passando lungo l'asse di due avvolgimenti coassiali. L'avvolgimento più interno è collegato all'antenna e alla terra, l'altro è collegato al ricevitore telefonico.
Le onde radio che colpiscono l'antenna provocano nell'avvolgimento interno correnti che modificano bruscamente lo stato magnetico della treccia metallica: cosicchè nell'avvolgimento più esterno si generano impulsi di corrente percepibili attraverso il ricevitore telefonico. La treccia metallica viene fatta scorrere da un meccanismo di trascinamento mosso da un motore a molla.

focus

Il trasmettitore si trovava a Poldhu, in Cornovaglia, e le esperienze compiute dimostrano la possibilità di ricevere i segnali anche a 1500 chilometri di distanza


Nel 1901-1902 Guglielmo Marconi compie alcune esperienze di ricezione a bordo dell'incrociatore "Carlo Alberto", confrontando le prestazioni di due coherer e di tre detector magnetici, verificando la superiorità dei dispositivi magnetici. Il trasmettitore si trovava a Poldhu, in Cornovaglia, e le esperienze compiute dimostrano la possibilità di ricevere i segnali anche a 1500 chilometri di distanza, nonostante la interposizione di estese zone continentali e catene montuose.

IL MUSEO DA NON PERDERE


Vai al percorso

Sapevate che grazie al segnale di SOS inviato via radio sono state salvate molte vite durante l’affondamento del Titanic?

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio