La macchina aritmetica di Giovanni Poleni

Il modello del Museo: il restauro

La macchina come si presenta dopo il restauro.

Esaminare foto e disegni di una qualunque macchina è una cosa, trovarsela di fronte, poterle girare attorno, osservarne i particolari e, soprattutto, poterla toccare, è un'esperienza totalmente diversa.


Al primo colpo d'occhio la Macchina Aritmetica di Poleni apparve subito imponente e massiccia e ancora in discrete condizioni; al punto da tentarne un'immediata messa in moto. Purtroppo però un'indagine più attenta, dimostrò tutti i deleteri effetti del tempo, anche se, ricordiamo, si trattava solo di mezzo secolo e non dei trecento anni che avrebbe avuto l'originale del 1709.

La maggior parte delle componenti metalliche mostrava un forte stato di ossidazione (ruggine), l'intelaiatura in legno era leggermente deformata, il ché rendeva difficile e rischioso ogni tentativo di movimento. Altri problemi vennero alla luce quando si confrontò il manufatto sia con le foto del 1959, sia con le tavole originali della Miscellanea di Poleni; alcune parti erano scomparse (ad es. i piccoli contrappesi che contrastano l'inerzia del movimento, la manovellina per l'azzeramento degli accumulatori, il piolo che blocca il movimento alla fine delle operazioni).

Dopo una superficiale opera di pulizia e la parziale eliminazione della ruggine, si tentò la messa in moto, ma con risultati deludenti: la macchina si bloccava spesso e i risultati dei calcoli erano errati!



Dopo una superficiale opera di pulizia e la parziale eliminazione della ruggine, si tentò la messa in moto, ma con risultati deludenti: la macchina si bloccava spesso e i risultati dei calcoli erano errati! Sarebbe stata necessaria una pulizia più approfondita e una buona lubrificazione, ma ciò era impedito dalla inamovibilità di molte parti, ancora bloccate dalla ruggine. Una soluzione era possibile, smontare la macchina fino ai suoi singoli componenti, pulire bene tutte le parti e rimontarla. Non era una decisione semplice, se si fosse trattato di un manufatto di trecento anni i rischi sarebbero stati troppo elevati. Trattandosi invece di una ricostruzione moderna si decise di affrontare il rischio.

L'operazione non fu semplice, come detto molti parti erano praticamente bloccate dall'ossidazione e si dovette ricorrere a qualche intervento drastico (ad esempio, tre piccole viti impedivano qualunque tentativo di rimuovere l'intero meccanismo e liberare gli ingranaggi accumulatori, furono quindi trapanate). Nel frattempo si fecero ricostruire le parti mancanti sulla base delle foto di cinquant'anni fa.


Massimo Temporelli curatore del Dipartimento Comunicazione del Museo osserva la macchina prima del restauro.

L'opera di scomposizione fu fondamentale, non solo per il restauro, ma soprattutto per capire a fondo il funzionamento e le soluzioni tecniche adottate, sia quelle proposte Poleni nel suo progetto, sia quelle adottate dai tecnici dell'IBM per la costruzione della replica. Ci si accorse, ad esempio che nella replica erano stati usati componenti anacronistici, come i cuscinetti a sfere, parti di alluminio e altri materiali inesistenti nel Settecento. Curioso fu poi scoprire che l'intera macchina era costruita e funzionava in modo speculare rispetto ai disegni originali.

Giungiamo così al settembre del 2009, quando ci si trovò davanti ad un tavolo su cui erano allineati in bell'ordine assi, ruote dentate, viti, leve, e quant'altro, il tutto ben ripulito e oliato. Le foto scattate durante lo smontaggio, quelle del '59 e i disegni del 1709 (oltre alla descrizione tradotta dal latino dall'Ing. Soresini) dovevano guidare la restituzione della macchina al suo originale funzionamento. L'assemblaggio risultò più facile e veloce della scomposizione, ma ad esso seguì una lunga e improba opera di registrazione dei singoli componenti, lavoro svolto per tentativi ed errori, che portò ancor più in evidenza gli elementi critici ed i limiti della macchina.

Finalmente, nell'ottobre del 2009, fu possibile provarne il funzionamento con l'esecuzione di una breve moltiplicazione. La resuscitata Macchina Aritmetica di Poleni cominciò a girare, emettendo un poderoso suono ticchettante, i numeri sui piccoli quadranti anteriori si mossero a scatti e, incredibilmente, il risultato ottenuto era esatto!

Guarda la gallery fotografica

Ascolta la macchina

Ascolta la macchina mentre esegue un'operazione

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio