A mente fredda
nel riscaldamento globale

lunedì 30 marzo 2009, dalle ore 9.30 alle 17.30


Telmo Pievani

Professore associato di Logica e Filosofia della Scienza, Università degli Studi di Milano


Biografia

Telmo Pievani è professore associato di Filosofia della Scienza presso l'Università degli studi di Milano Bicocca, dove è vice-direttore del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione. E' segretario del Consiglio Scientifico del Festival della Scienza di Genova e co-Direttore Scientifico del Festival delle Scienze di Roma. E' autore di 86 pubblicazioni, fra le quali: Homo sapiens e altre catastrofi (Meltemi, Roma, 2002); Introduzione alla filosofia della biologia (Laterza, Roma-Bari, 2005); La teoria dell'evoluzione (Il Mulino, Bologna, 2006); Creazione senza Dio (Einaudi, Torino, 2006, finalista Premio Galileo); In difesa di Darwin (Bompiani, Milano, 2007); Nati per Credere (Codice Edizioni, Torino, 2008, con V. Girotto e G. Vallortigara). Alcuni di questi volumi sono in corso di traduzione in lingue straniere.
Socio corrispondente dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti per la classe di Scienze, è membro dell'editorial board delle riviste scientifiche internazionali Evolutionary Biology e Evolution: Education and Outreach. E' direttore di Pikaia, il portale italiano dell'evoluzione, e coordinatore scientifico del Darwin Day di Milano. Insieme a Niles Eldredge, è direttore scientifico del progetto enciclopedico "Il futuro del pianeta" di UTET Grandi Opere. Insieme a Niles Eldredge e Ian Tattersall, è il curatore scientifico dell'edizione italiana della mostra internazionale "Darwin.1809-2009" (Roma-Milano 2009). Collabora regolarmente con Il Corriere della Sera e con le riviste Le Scienze, Micromega e L'Indice dei Libri.


Abstract

Il "tempo profondo" scandito dai cambiamenti fisici e ambientali del pianeta Terra è lo scenario irrinunciabile per comprendere i meccanismi dell'evoluzione biologica. Charles Darwin stesso, di cui ricorre il bicentenario della nascita, iniziò le sue riflessioni sulla "trasmutazione" delle specie proprio nel contesto di osservazioni geologiche sull'instabilità della superficie terrestre e del clima nelle diverse regioni del globo. Il legame fra evoluzione della Terra ed evoluzione della vita non si è mai interrotto e oggi sappiamo che i due processi si sono profondamente influenzati a vicenda.
Gli organismi hanno contribuito a modificare le trame di autoregolazione fisica del pianeta e della sua atmosfera. Viceversa, i vincoli fisici e ambientali degli ecosistemi producono il quadro delle pressioni selettive che trasformano le popolazioni di organismi. In questa incessante co-evoluzione non sono mancati momenti di transizione particolarmente drammatici, come nel caso delle estinzioni di massa e dei rapidi avvicendamenti di specie su larga scala. Il nostro pianeta sembra dunque aver già subito, nel lontano passato, radicali sconvolgimenti, dopo i quali la vita, in un modo o nell'altro, ha ricominciato a fiorire e a diversificarsi.
L'interrogativo odierno, tuttavia, è differente, poiché l'oscillazione climatica sembra evidentemente connessa alle attività perturbative di una specie sola, la nostra. L'estinzione massiccia della biodiversità, nei millenni che ci separano dall'invenzione dell'agricoltura, è un dato di fatto, oggi amplificato dagli altri effetti delle attività antropiche. Ma in ultima analisi l'incertezza maggiore riguarda la possibilità che queste alterazioni globali, di per sé non eccezionali per la vita in quanto tale, siano in grado di minacciare la sopravvivenza della nostra specie in particolare.

Immagine fonte di archivio: discovery science

Quando

lunedì 30 marzo 2009, dalle 9.30 alle 17.30

Partner

Mitsubishi Electric

Con il contributo di

Camera di Commercio di Milano.

Programma

Scarica il PDF del programma della giornata

Informazioni

T 02 48555 309
cella@museoscienza.it
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

La giornata rientra nell'ambito del ciclo "Sulle Spalle dei Giganti", ciclo di incontri con i protagonisti della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio