CONFLUENCE

Una mostra che guarda al territorio come progetto d’incontro tra saperi

dal 2 aprile al 20 novembre 2016

La mostra Confluence, curata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia per la XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, guarda al territorio come progetto d’incontro tra saperi.

Il caso di condivisione e convergenza tra i saperi a cui fa riferimento l’esposizione è lo studio del sistema climatico del bacino del Po dal Novecento a oggi secondo il progetto “Studiare il futuro già accaduto”.

Articolatosi in un ciclo di incontri che ha inteso aprire e condividere una riflessione tra saperi diversi: sulla natura e sull’uomo, accademici e non, su scala locale e globale, attraverso le generazioni, il progetto è stato ideato dal Museo con l’Autorità di bacino del fiume Po, l’Università degli Studi di Milano e l’Università Milano Bicocca. Approfondisci qui i contenuti della mostra.

Percorso espositivo

Ospitata nel Padiglione Olona del Museo, la mostra si apre con un nucleo dedicato a Leonardo da Vinci. Modelli storici della collezione del Museo e immagini tratte dai Codici rappresentano l’attenzione di Leonardo per il territorio come contesto di relazioni e ambito di progettazione, il suo interesse per il tema dell’acqua e il suo procedere per analogie nell’indagine conoscitiva in una concezione unitaria del sapere.

Una riproduzione calpestabile a grande scala dell’area del bacino del Po introduce al secondo nucleo della mostra, che invita innanzitutto a scoprire il Bacino come unità di senso in un’ottica di progettazione integrata. Dall’area emerge un grande tavolo, solcato dal profilo del corso del fiume, che propone una selezione dei contenuti emersi nel ciclo di incontri. La studio del sistema climatico è stato articolato in idrosfera, atmosfera, geosfera, biosfera e antroposfera, nella scelta culturale di guardare all’uomo come soggetto e oggetto delle trasformazioni ambientali e di mettere in relazione saperi diversi, da ambiti anche distanti.

L’esplorazione si snoda tra carte tematiche, testimonianze sonore e video, immagini che raccontano il passato e la contemporaneità, ed è accompagnata da una selezione di oggetti, documenti e volumi di valore storico.

Un’installazione di elementi filiformi, ispirata al canneto fluviale, avvolge l’intero percorso espositivo, illuminandosi in base alla proposta musicale che anima l’esposizione e interagendo con la presenza del visitatore, a suggerire come tutto nel mondo sia connesso e come ognuno di noi sia parte di una rete complessa di relazioni.

Guardando all’idea del Progetto di dar vita, a lungo termine, a un luogo permanente d’incontro tra i saperi, il terzo nucleo della mostra apre a una più ampia dimensione partecipativa, attraverso uno spazio forum animato da momenti seminariali, conferenze e dibattiti, e performance artistiche.

Un’installazione introduce il forum presentando parte dei contributi raccolti durante il Progetto nel workshop dedicato a costruire una “cassetta degli attrezzi” sui saperi nel rapporto uomo-ambiente.
Il coinvolgimento avviato prosegue in mostra grazie al contributo che ciascun visitatore potrà lasciare in un’apposita postazione. Nello spazio del forum, a chiudere la mostra, la proiezione di una performance nata dall’incontro tra musica e gesto pittorico, a partire dalla storia per immagini realizzata da Alessandro Sanna nel volume “Fiume lento. Viaggio lungo il Po”.

Attraverso la mostra Confluence il Museo esplora nuove possibilità per essere luogo d’incontro e di lavoro comune su tematiche rilevanti nella contemporaneità e al tempo stesso torna all’idea di unità della cultura che ha ispirato la nascita dell’Istituzione.

L’allestimento e l’interaction design della mostra sono curati dallo studio dotdotdot.

EVENTI

LECTIO MAGISTRALIS
DI PIETRO CESARE MARANI:
LEONARDO DA VINCI E L'UNITÀ DEL SAPERE

MARTEDì 5 LUGLIO 2016 ORE 19
In auditorium
In lingua inglese
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Il professor Marani presenta recenti studi su Leonardo e sulla concezione unitaria del sapere che caratterizza la fase più matura del suo pensiero. Secondo incontro del programma culturale della mostra Confluence per tornare a esplorare i fondamenti dell'idea unitaria di cultura che ha ispirato la nascita del Museo ed è ancora oggi terreno vivo di lavoro.
L’evento contribuisce a “Nel segno di Leonardo”, progetto del Museo realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo, per le celebrazioni vinciane del 2019.

FOTO


FIUME LENTO

VENERDì 20 MAGGIO 2016 ORE 18.30

Una performance tra musica e gesto pittorico per esplorare l’incontro tra saperi che ispira la mostra Confluence.
La storia per immagini "Fiume lento. Un viaggio lungo il Po", di Alessandro Sanna, ha fornito interessanti spunti di riflessione nel percorso da cui la mostra ha preso le mosse. La poetica di questo racconto, dove il valore universale delle acque si rivela proprio nella dimensione del "fiume vissuto" dall'artista, è apparsa subito ben risonante sia con il caso di studio su cui è incentrata la mostra (il bacino del Po e il suo sistema climatico) sia con la volontà di far trasparire, dal caso specifico, una riflessione più generale sul rapporto uomo-ambiente e sulla separazione dei saperi in esso coinvolti. L'evento contribuisce a "Nel segno di Leonardo" per le celebrazioni vinciane del 2019.

PROGRAMMA
SALUTI
Fiorenzo Galli Direttore Generale del Museo

PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA
Luciana Tasselli, curatrice del Museo
Ezio Tabacco, coordinatore del Consiglio Scientifico

FIUME LENTO - PERFORMANCE
Illustrazioni dal vivo di Alessandro Sanna
Al pianoforte Elisabetta Garilli
Musiche di Elisabetta Garilli

A SEGUIRE FREE DRINK

Scarica qui l'invito

fiume lento

Informazioni

Visita compresa nel biglietto d’ingresso alla XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano e nel biglietto d’ingresso al Museo.

Ingresso gratuito da lunedì 11 a domenica 17 aprile.

Per la XXI Triennale del Design il Museo ospita anche, nelle proprie Cavallerizze, i progetti di diverse nazioni.
Scopri di più >

Orari

da martedì a domenica: ore 10.00 - 19.00
(chiusura biglietteria ore 18.30)

Chiuso il lunedì, tranne 11 e 25 aprile, 15 agosto.

partner