LE ATTIVITA'

Porta avanti con noi il dialogo tra scienza e società e prendi parte ai programmi della nostra offerta:

  • Format per l’interazione sui temi della scienza
  • Percorsi di formazione
    • Per i ricercatori
    • Per gli insegnanti
  • Workshop di confronto tra policy maker e stakeholder.

CALENDARIO

A TU PER TU CON IL CNR

In collaborazione con: Consiglio Nazionale delle Ricerche

Un arancio si può ammalare di tristezza?
Come possiamo salvare gli alimenti della nostra tradizione? Perché funghi e piante vanno così d’accordo?
Incontra i ricercatori del Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del CNR.
Si occupano di agricoltura, cibo, piante, risorse naturali, sostenibilità e tecnologie innovative.
Si sono allenati al Museo per imparare a comunicare in modo efficace e ora sono pronti a condividere spunti, sensazioni e punti di vista sulle loro ricerche.
Ti aspettano per dialogare a tu per tu con te tra attività sperimentali e di discussione per affrontare in modo più consapevole le grandi sfide del futuro.


2-3 e 23-24 febbraio 2019

CELLULE E DINTORNI

Con Marta Vallino dell’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante.

Cosa succede se una pianta prende un virus? Come sono fatte le cellule del pomodoro? Osserviamo le piante da molto vicino: sembrano fatte di coni, mattoni e piastrelle. Zoomiamo su frutti, foglie e radici e scopriamo come la ricercatrice rintraccia i virus che fanno ammalare le nostre piante.

A CHI SI RIVOLGE
Da 9 anni, durata 45 min., attività su prenotazione

QUANDO E DOVE
Sabato 2 febbraio 2019, a ciclo continuo dalle 14.30 alle 17.30, i.lab Biotecnologie

A CACCIA DI GLUTINE

Con Aldo Ceriotti dell’Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria.

Che cos’è il glutine? In quali farine si trova? Impastiamo diverse farine per raccontare le proprietà del glutine, separiamolo dall’amido e osserviamolo da vicino. Con l’aiuto del ricercatore tocchiamo con mano le principali molecole che lo compongono.

A CHI SI RIVOLGE
Da 9 anni, durata 45 min., attività su prenotazione

QUANDO E DOVE
Domenica 3 febbraio 2019, alle ore 14 e 16, i.lab Alimentazione

UNA MELA AL GIORNO

Con Angelo Facchiano dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione.

Che cosa contiene il succo di mela? Perché “fa bene”? Sperimentiamo quanti antiossidanti si trovano in frutta e verdura e discutiamo con il ricercatore per scoprire quali sostanze benefiche sono presenti naturalmente nel succo di mela e come agiscono sulle cellule.

A CHI SI RIVOLGE
Da 9 anni, durata 45 min., a ciclo continuo

QUANDO E DOVE
Sabato 23 febbraio 2019, dalle 14.30 alle 17.30, i.lab Alimentazione

PIANTE SOTTO CONTROLLO

Con Alessandro Zaldei dell’Istituto di Biometereologia.

Di cosa ha bisogno una pianta per produrre di più? A che cosa servono i sensori? Mettiamo in campo tecnologia e innovazione per scoprire in che modo le piante riescono a vivere meglio. Osserviamo come il ricercatore utilizza i sensori per controllare la qualità dell’aria e indagare il cambiamento climatico.

A CHI SI RIVOLGE
Da 9 anni, durata 45 min., a ciclo continuo

QUANDO E DOVE
Domenica 24 febbraio 2019, dalle 11.00 alle 13 e dalle 14 alle 16, i.lab Genetica


24 - 25 novembre 2018

PIANTE IN SALUTE

Con Loredana Barbarossa dell’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante.
Un arancio si può ammalare di tristezza? Esistono i virus delle piante? Con sapone e limone sperimentiamo come estrarre il DNA da una pianta e scopriamo come la ricercatrice va a caccia di virus pericolosi per l’agricoltura e l’ambiente.

A CHI SI RIVOLGE
Da 9 anni, durata 45 min., attività su prenotazione

QUANDO E DOVE
Sabato 24 ore 14.30 e domenica 25 ore 14 e 16, i.lab genetica

SALVA IL FORMAGGIO

Con Flavia Pizzi dell’Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria.
Quanti alimenti tipici esistono? Come possiamo salvarli dall’estinzione? Insieme alla ricercatrice sperimentiamo cosa contengono alcuni formaggi della nostra tradizione e scopriamo come salvaguardare questo patrimonio alimentare e culturale.

A CHI SI RIVOLGE
Da 9 anni, durata 45 min., attività su prenotazione

QUANDO E DOVE
Sabato 24 ore 14.30 e domenica 25 ore 14 e 16, i.lab genetica

FUNGHI E PIANTE IN SIMBIOSI

Con Raffaella Maria Balestrini dell’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante.
Perché funghi e piante vanno così d’accordo? Come possiamo sfruttare la loro alleanza in agricoltura? Osserviamo al microscopio i tartufi e confrontiamo le radici di piante che vivono insieme a funghi. Scopriamo con la ricercatrice come questa simbiosi permetta di coltivare in modo più innovativo e sostenibile.

A CHI SI RIVOLGE
Da 8 anni, a ciclo continuo, attività senza prenotazione

QUANDO E DOVE
Domenica 25 novembre, dalle 11 alle 13, i.lab biotecnologie

PROGRAMMA DI DIFFUSIONE DELLA CULTURA SCIENTIFICA NEL SETTORE AGROALIMENTARE

In collaborazione con Consiglio Nazionale delle Ricerche – Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari


Il programma ha l’obiettivo di discutere con i giovani e gli insegnanti per promuovere una cultura condivisa della sicurezza alimentare globale, evidenziare il ruolo dell’agricoltura nel raggiungimento dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite e del lavoro di ricerca nel settore agroalimentare del CNR (Istituti del Consiglio Nazionale delle Ricerche).

INCONTRA IL RICERCATORE

Speed date con i ricercatori del CNR, un modo informale per incontrare faccia a faccia chi fa ricerca tutti i giorni, confrontarsi e discutere in modo diretto con questi professionisti.

A CHI SI RIVOLGE
16 classi delle scuole secondarie di I e di II grado.

QUANDO E DOVE
L’attività, gratuita e della durata di 2 ore, si svolge al Museo nelle giornate di lunedì 17 e martedì 18 dicembre nelle fasce orarie 9.30-11.30 e 11.30-13.30.

PRENOTAZIONI
Scrivere a prenotazioni@museoscienza.it indicando nome, cognome, scuola, classe con cui si intende partecipare e numero degli studenti che la compone. Specificare nell’oggetto della mail: INCONTRA IL RICERCATORE.

LA SCIENZA NELL’ORTO

Sperimentiamo in laboratorio il mondo delle piante toccando in maniera trasversale temi legati all’alimentazione, all’agricoltura e alla biodiversità, dai vegetali che coltiviamo e mangiamo a quelli usati per abbellire i nostri giardini fino alle piante utili per ripulire l’aria o mitigare la temperatura delle nostre città.

A CHI SI RIVOLGE
10 classi delle scuole primarie (IV e V anno).

QUANDO E DOVE
L’attività, gratuita e della durata di 2 ore, si svolge al Museo nelle giornate di 3- 4-5-6 giugno.

PRENOTAZIONI
Scrivere a prenotazioni@museoscienza.it indicando nome, cognome, scuola, classe con cui si intende partecipare e numero degli studenti che la compone. Specificare nell’oggetto della mail LA SCIENZA NELL’ORTO.



DIETRO LE QUINTE DELLA RICERCA BIOAGROALIMENTARE

Un giorno mangeremo meduse? Di che cosa si occupa la biometereologia? Quanta ricerca si nasconde dietro un semplice piatto di insalata? Incontriamo un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del Consiglio Nazionale delle Ricerche per scoprire come lavorano sulle sfide globali che riguardano il nostro futuro: garantire cibo, acqua ed energia sufficienti attraverso un uso sostenibile delle limitate risorse naturali. Attraverso il confronto, le osservazioni dirette e le situazioni sperimentali scopriamo come nasce una domanda di ricerca e quali tecnologie innovative si impiegano per trovare nuove soluzioni.
DETTAGLI E INFORMAZIONI SULLA PAGINA DEDICATA >

A CHI SI RIVOLGE
Insegnanti delle scuole secondarie di II grado.

CORSO DI BASE – LA SCIENZA NELL’ORTO

Può sembrare una semplice mela o un piccolo prato in città, invece ci troviamo di fronte a concentrati di scienza e di esperienze. Attraverso un percorso sperimentale scopriamo il mondo delle piante toccando in maniera trasversale temi legati all’alimentazione, all’agricoltura e alle biotecnologie, dai vegetali che coltiviamo e mangiamo a quelli usati per abbellire i nostri giardini fino alle piante utili per ripulire l’aria o mitigare la temperatura delle nostre città. Durante il corso incontriamo esperti ricercatori e dialoghiamo con loro per scoprire la varietà delle loro ricerche e riflettere su modi diversi e inconsueti di parlare di piante, cibo, acqua, energia e risorse naturali.
DETTAGLI E INFORMAZIONI SULLA PAGINA DEDICATA >

A CHI SI RIVOLGE
Insegnanti delle scuole primarie.


STORIE DI QUESTO MONDO PER UN DIALOGO TRA SCIENZA E SOCIETA'

Realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo

Lunedì 5 febbraio 2018
BIOTECH: UN AIUTO PER L’AMBIENTE

Ripulire le aree inquinate, rendere più fertile un terreno, ridurre i rifiuti, produrre materiali biocompatibili: sperimentiamo come si usano cellule, enzimi e organismi per fare e disfare molecole che aiutano l’ambiente. Incontriamo un ricercatore per scoprire quali sono i punti di partenza, le maggiori problematiche e quali le soluzioni più innovative del settore.
Partecipano Andrea Mastorgio e Gabriele Beretta, del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale del Politecnico di Milano
DETTAGLI E INFORMAZIONI SULLA PAGINA DEDICATA >

PER CHI
Insegnanti della scuola secondaria di I e di II grado

FORMAT
LABORATORI APERTI AGLI INSEGNANTI

29 gennaio e 5 febbraio 2018
BATTERI IN BATTERIA

Scopriamo come dall’acqua sporca, grazie a batteri buoni e cariche elettriche, si può generare energia e contemporaneamente pulire l’acqua.
DETTAGLI E INFORMAZIONI SULLA PAGINA DEDICATA >

Partecipano:
Andrea Mastorgio e Gabriele Beretta, del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale del Politecnico di Milano

PER CHI
4 classi della scuola secondaria di II grado.

FORMAT
INCONTRI CON I RICERCATORI NEI LABORATORI INTERATTIVI


27-28 gennaio 2018
INVENTORI DI MEDICINE

Come nasce un farmaco? Da dove si parte? Osserviamo le cellule da vicino e estraiamo sostanze dal cibo insieme a tre ricercatori inventori di medicine per capire quante sono le strade che si percorrono per arrivare a un nuovo prodotto.

i.lab Biotecnologie
attività senza prenotazione
Sabato dalle 14.30 alle 18.00
Domenica dalle 11 alle 13

i.lab Alimentazione
attività con prenotazione
Domenica ore 14.00 e 16.00.

Partecipano:
Marta Fumagalli, Raffaella Longo e Enrico Sangiovanni, Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Università degli Studi di Milano.
Per conoscere meglio le loro attività visita RicercaMIx, il blog di comunicazione del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari della Statale di Milano >

PER CHI
Per tutti

FORMAT
INCONTRI CON I RICERCATORI NEI LABORATORI INTERATTIVI

COME PRENOTARE
Compilare il modulo on-line a questa pagina.

24 gennaio 2018
CUORE, COME BATTI?

La ricercatrice Claudia Binda dell’Università degli Studi di Pavia racconta come funziona il cuore, come le sue cellule rispondono agli stimoli e come nasce una nuova cura.
DETTAGLI E INFORMAZIONI SULLA PAGINA DEDICATA >

PER CHI
Insegnanti di scuola secondaria di I e II grado.

FORMAT
LABORATORI APERTI AGLI INSEGNANTI

20-21 gennaio 2018
LA CASA DELLE CELLULE

Come sono fatte le nostre cellule? Possono vivere anche fuori dal nostro corpo?
Con microscopi e colori osserviamo da vicino come siamo fatti e incontriamo tre ricercatori che studiano le cellule per comprendere i meccanismi del nostro corpo. Scopriamo in quanti modi diversi le coltivano, come le nutrono e come se ne prendono cura e partecipiamo alla costruzione di un’installazione creativa al limite tra arte e scienza.

i.lab Biotecnologie
attività con prenotazione
Sabato ore 14.30 e 16.30
Domenica ore 11.00, 14.00 e 16.00

Partecipano:
Orazio Fortunato, Paolo Gandellini e Viviana Vallacchi, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

PER CHI
Per tutti

FORMAT
INCONTRI CON I RICERCATORI NEI LABORATORI INTERATTIVI



FORMAZIONE E WORKSHOP

RICERCATORI

Quanti modi ci sono per raccontare una ricerca?
“A tu per tu con la ricerca” offre percorsi di formazione per avvicinare i professionisti del mondo della scienza alle dinamiche di incontro con il pubblico di non esperti, e fornisce il supporto per rafforzare le conoscenze teoriche e le competenze pratiche della comunicazione.
L’offerta formativa comprende:

  • workshop con esperti nazionali e internazionali sui molteplici aspetti del public engagement (RRI, percezione sociale dei ricercatori, skill di comunicazione, associazioni di cittadini, casi pratici di public engagement);
  • presentazione della varietà di format per l’incontro con il pubblico del Museo;
  • training con diverse tipologie di pubblico (famiglie, adulti, scuole);
  • evaluation e restituzione analitica dello sviluppo del percorso.

I risultati generati dalla formazione contribuiscono ad ampliare e approfondire le competenze professionali dei ricercatori:

  • puntano a migliorare le skill di comunicazione nelle occasioni di incontro con gli attori della società civile e non solo; i risultati stimolano un miglioramento delle capacità comunicative in generale, a beneficio del dialogo specialistico con i colleghi professionisti.
  • Il training alla comunicazione stimola una consapevolezza più profonda del ruolo dello scienziato nella società.
  • La somma delle competenze e delle informazioni acquisite fornisce strumenti utili per la stesura dei piani di comunicazione, e per rispondere con efficacia ai compiti di dissemination e public engagement.

INSEGNANTI

Il Museo si propone come risorsa educativa, mettendo a disposizione degli insegnanti corsi di formazione per approfondire temi scientifici di attualità e modalità innovative per affrontarli in classe.

L’offerta formativa comprende:

  • Corsi di formazione e sviluppo professionale per insegnanti su temi e metodologie educative sperimentali relative alla scienza e alla tecnologia. Il Museo predispone un programma annuale di proposte per i docenti di ogni ordine e grado. Questi stessi corsi possono essere realizzati anche in momenti concordati per istituti scolastici o reti di scuole che ne fanno richiesta. Infine progetta ed eroga percorsi di formazione a partire da esigenze specifiche delle scuole.
  • Kit e materiali utili per la pratica sperimentale in classe.
  • Attività educative e formative offerte alle scuole attraverso collaborazioni tra il Museo e fondazioni o aziende.

WORKSHOP DI CONFRONTO PER POLICY MAKER E STAKEHOLDER

Il mondo della scienza e la sua relazione con la società stanno cambiando.
Il momento del confronto tra le parti in causa è l’oggi.
Per interpretare e partecipare al mutamento.

Come si possono ripensare le complesse interazioni tra tutti gli attori in gioco?
Come si può intervenire attivamente sull’evoluzione di questo processo?

Il Museo si affaccia su molti mondi e dialoga costantemente con realtà diverse. Si fa portavoce e promotore della riflessione culturale che riguarda il rapporto tra la scienza e la società.
Assieme a chi questo cambiamento può metterlo in atto ogni giorno.

“A tu per tu con la ricerca” comprende l’organizzazione di contesti per riunire policy maker e stakeholder, e portare avanti il lavoro di riflessione e comprensione di questi temi.