Studiare il futuro già accaduto

Il sistema climatico del bacino del Po dall’inizio del novecento a oggi


Cinque seminari, una giornata di workshop e una mostra intorno a uomo, ambiente, cultura.


La questione climatica è uno dei temi fondamentali con cui le società hanno dovuto, devono e dovranno confrontarsi, in termini politici, operativi, conoscitivi.
Dal punto divista culturale è un terreno fertile, che consente, e richiede, di esplorare il rapporto uomo-ambiente a tutto campo.
Ma che cosa significa includere l’antroposfera tra le dimensioni che concorrono a definire il Sistema Climatico? Come creare le condizioni per un dialogo intimo tra saperi sulla natura e saperi sull’uomo? Quali conoscenze e quali strumenti predisporre per connettere prospettiva globale e locale? Come costruire un confronto significativo tra saperi specialistici e saperi diffusi nella società?


Attraverso il progetto Studiare il futuro già accaduto il Museo lavora su queste domande aperte insieme a esperti, a docenti delle Università milanesi e all’Autorità di bacino del Fiume Po.
Il caso di studio su cui si concentra il progetto è il Sistema Climatico nel bacino del Po e la sua evoluzione dai primi del Novecento ai giorni nostri, attraverso segmenti temporali individuati rispetto al riscaldamento globale osservato.

Il Progetto si è articolato dapprima in cinque seminari aperti di due ore più una giornata conclusiva di sintesi e workshop, rivolgendosi a ricercatori, studenti, insegnanti, giornalisti, associazioni ambientaliste, pubbliche amministrazioni e, più in generale, a tutti gli interessati.

A questi si aggiunge la mostra Confluence (2 aprile – 12 settembre 2016), curata dal Museo per la XII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano. La mostra guarda al territorio come progetto d’incontro tra saperi a partire dal caso di studio del Progetto, il sistema climatico del bacino del Po dal Novecento ad oggi. Dal Progetto la mostra eredita i contenuti principali, le preziose sinergie istituzionali e individuali, e la scelta culturale di radicare i discorsi in un contesto territoriale, nell’idea che conoscere sia un modo di abitare il mondo. Si tratta dunque di un’istantanea su un percorso più lungo, intrapreso senza garanzie di riuscita, immaginando un nuovo paesaggio: un profilo della conoscenza diverso dalla frammentazione che via via rende i saperi più puntualmente efficaci ma culturalmente più aridi, perché isolati e distanti.



2 aprile – 12 settembre 2016
CONFLUENCE


mostra Confluence




MARTEDÌ 6 OTTOBRE 2015, ORE 16.00
IDROSFERA

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
coordina Francesco Puma, Autorità di Bacino del Fiume Po

Il primo seminario del ciclo è dedicato a esplorare la rilevanza del Bacino del Po come caso di studio in un’ottica sistemica.
Elemento cardine di tutti gli interventi è la rete idrografica, che definisce dal punto di vista territoriale il bacino stesso - con la sua varietà di ambienti naturali, l’elevata densità abitativa, l’ampia gamma d’infrastrutture e attività produttive- e al contempo è il risultato dell’interazione di molte variabili: acque meteoriche e di fusione, conformazione naturale e artificiale degli alvei, interventi di bonifica, usi plurimi delle acque etc. Nel corso del seminario saranno analizzati gli assetti degli idrosistemi in epoca preindustriale e i principali cambiamenti avvenuti fino ad oggi sotto la spinta di fattori naturali e antropici.
Un primo indispensabile “passo indietro” nel tempo per cercare di comprendere quali potranno essere i futuri dei nostri corsi d’acqua.

Scarica il programma dell'incontro

Scarica il contributo di Francesco Puma (.zip | 7,8 Mb)
Scarica il contributo di Giorgio Negri (.zip | 25 Mb)
Scarica il contributo di Luisa Pellegrini (.zip | 2,5 Mb)



GIOVEDÌ 22 OTTOBRE 2015, ORE 16.30
ATMOSFERA

Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Fisica
coordina Maurizio Maugeri, Università degli Studi di Milano

Il secondo incontro del ciclo è dedicato ad analizzare il Bacino del Po e la sua evoluzione in termini meteo-climatici.
Saranno presentati i principali climi presenti nel Bacino e saranno analizzati i segnali di cambiamento documentati sia dagli archivi naturali, primi fra tutti quelli legati ai ghiacciai, sia dai dati strumentali raccolti in modo sistematico a partire dalla seconda metà del XVIII secolo. Gli interventi considereranno dunque fenomeni diversi per entità e durata, passando dalle scale temporali dell’ordine dei milioni di anni fino alla risoluzione giornaliera o sub-giornaliera caratteristica delle serie storiche strumentali.
I cambiamenti meteo-climatici relativi al passato ed i corrispondenti impatti, sull’ambiente e sulle dinamiche degli insediamenti umani, rivestono grande importanza nell’insieme delle informazioni necessarie per cercare di comprendere il futuro scenario evolutivo del Sistema Climatico del Bacino del Po. Allo stesso tempo, il quadro interpretativo del Sistema Climatico, conformemente alla definizione datane dall’UNFCCC, offre una più ampia e articolata cornice per attribuire significato a cambiamenti di carattere specificamente meteo-climatico, come il riscaldamento globale in atto.

Scarica il programma dell'incontro (.pdf | 154 Kb)

Scarica il contributo di Claudio Smiraglia (.zip | 7,6 Mb)
Scarica il contributo di Giuseppe Orombelli (.zip | 13,2 Mb)
Scarica il contributo di Maurizio Maugeri (.zip | 5 Mb)



GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE 2015, ORE 16.00
GEOSFERA

Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra
coordina Giuseppe Orombelli, Università degli Studi di Milano Bicocca



Il terzo seminario del ciclo è dedicato ad analizzare il substrato solido “geologico” che regge il Bacino del Po evidenziando alcune delle più rilevanti modificazioni intervenute negli ultimi due secoli. L’entità e l’eventuale novità di queste modificazioni emergerà dal confronto con quanto avvenuto negli ultimi 10-20 mila anni.
I cambiamenti recenti che hanno interessato la geosfera saranno letti in relazione a quelli delle altre sfere per fornire un quadro complessivo del Sistema Climatico del bacino padano con le sue articolazioni a scala sub-regionale.
L’analisi della geosfera sarà condotta a partire da tre aspetti: il dissesto geologico e cioè il fenomeno delle frane nell’accezione più ampia; il suolo in quanto epidermide della geosfera sensibile ad ogni mutamento esterno; ed infine la risposta organizzata, in termini di normativa e di interventi, per la riduzione dei rischi naturali di fondo o accentuati da modificazioni ambientali che comportano aumentata esposizione della popolazione e delle sue strutture.

Scarica il programma dell'incontro (.pdf | 510 Kb)

Scarica il contributo di Giovanbattista Crosta (.zip | 7,8 Mb)
Scarica il contributo di Gregorio Mannucci (.zip | 2,2 Mb)
Scarica il contributo di Franco Previtali (.zip | 27 Mb)



GIOVEDÌ 19 NOVEMBRE 2015, ORE 16.30
BIOSFERA

Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali
coordina Stefano Bocchi, Università degli Studi di Milano



Il quarto seminario del ciclo è dedicato ad analizzare le dinamiche dei sistemi agro-alimentari e ambientali presenti nel Bacino del Po. Si descriveranno i caratteri di complessità che riguardano i sistemi colturali, quelli aziendali e territoriali con particolare riferimento alle funzioni di produzione alimentare e di offerta di servizi ecosistemici, assicurati dall’agricoltura. Nel corso del seminario, si focalizzerà l’attenzione sull’azienda agraria e sulle principali trasformazioni registrate nel corso degli ultimi decenni, si descriveranno anche le principali metodiche di studio e simulazione delle produzioni in vista di cambiamenti di diversa natura e origine comprese quelle relative agli ecosistemi naturali e alle variazioni meteo climatiche. Infine saranno presentati e discussi alcuni temi inerenti l’ecologia del paesaggio.

Scarica il programma dell'incontro (.pdf | 153 Kb)

Scarica il contributo di Roberto Confalonieri (.zip | 2,3 Mb)
Scarica il contributo di Stefano Bocchi (.zip | 7,1 Mb)
Scarica il contributo di Vittorio Ingegnoli (.zip | 140 Mb)



MERCOLEDÌ 16 DICEMBRE 2015, ORE 16.30
ANTROPOSFERA

Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione
coordina Mauro Van Aken, Università degli Studi di Milano Bicocca

Il quinto seminario del ciclo è dedicato ad analizzare le questioni e i saperi dell’antroposfera, come parte integrante della relazioni tra società e ambiente nel bacino del Po. Attraverso diversi sguardi disciplinari, si presenteranno alcuni dei principali processi dell’ultimo secolo in termini di cambiamento dei modelli, delle rappresentazioni e degli immaginari relativi alla relazione tra società, cultura e ambiente.

Alcuni temi tra loro interdipendenti saranno al centro dell’incontro. Innanzitutto il ruolo della nozione antropologica di cultura in relazione al cambiamento ambientale nel nostro contesto territoriale e sociale. In secondo luogo, i modelli di spazio e le scale geografiche utilizzate per comprendere il cambiamento del paesaggio, l’industrializzazione, la deindustrializzazione e la cultura del lavoro in val Padana, in relazione all’utilizzo anche indisciplinato delle risorse. Infine, l’analisi degli immaginari di natura che si possono leggere attraverso i maggiori cambiamenti teorici e pratici avvenuti in ambito educativo, con riferimento sia al contesto scolastico, che ai servizi all’infanzia, agli spazi di gioco, alle scelte educative degli adulti.

Scarica il programma dell'incontro

Scarica il contributo di Francesca Antonacci e Monica Guerra (.zip | 3,4 Mb)
Scarica il contributo di Stefano Malatesta, Marcella Schmidt di Friedberg (.zip | 2,8 Mb)
Scarica il contributo di Mauro Van Aken (.zip | 2,7 Mb)
Scarica il contributo di Simone Ghezzi (.zip | 9,4 Mb)




MERCOLEDÌ 27 GENNAIO 2016
GIORNATA CONCLUSIVA

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
SALA DEL CENACOLO - INGRESSO DA VIA SAN VITTORE 21, MILANO





Con il sesto incontro si chiude il primo ciclo di seminari dedicati ad esplorare il Sistema Climatico del bacino del Po a partire dall’incontro tra saperi diversi. La giornata sarà l’occasione per analizzare il lavoro svolto e aprirlo a nuovi possibili sviluppi.
Il programma prevede due momenti distinti. Nella mattinata sarà proposta una sintesi dei contributi delle cinque sfere considerate – idrosfera, geosfera, atmosfera, biosfera e antroposfera - per evidenziare gli aspetti di relazione. Il discorso sarà arricchito da ulteriori apporti, anche con riferimento agli esiti di Cop 21.
Il pomeriggio sarà organizzato in tavoli di lavoro per una riflessione, partecipata e condivisa, sul tema di fondo del progetto: i saperi nel rapporto uomo-ambiente. I tavoli del workshop, aperti a tutti gli interessati, saranno rivolti principalmente a insegnanti, ricercatori, giornalisti, associazioni ambientaliste e pubbliche amministrazioni. Il confronto ai tavoli di lavoro sarà condotto dai coordinatori dei seminari insieme allo staff del Museo.


Scarica il programma dell'incontro conclusivo






MOSTRA CONFLUENCE

2 aprile – 12 settembre 2016

mostra Confluence

Scarica il breve glossario pedo-tassonomico "Quanti significati condensa il nome tecnico di ogni suolo? (ita, eng)

Scarica il documento Regioni e Province pedologiche nel Bacino del Po (ita, eng)



DOCUMENTI



SEMINARI

IDROSFERA
Scarica il contributo di
• Francesco Puma (.zip | 7,8 Mb)
• Giorgio Negri (.zip | 25 Mb)
• Luisa Pellegrini (.zip | 2,5 Mb)

ATMOSFERA
Scarica il contributo di
• Claudio Smiraglia (7,6 Mb)
• Giuseppe Orombelli (13,2 Mb)
• Maurizio Maugeri (5 Mb)

GEOSFERA
Scarica il contributo di
• Giovanbattista Crosta (.zip | 7,8 Mb)
• Gregorio Mannucci (.zip | 2,2 Mb)
• Franco Previtali (.zip | 27 Mb)

BIOSFERA
Scarica il contributo di
• Roberto Confalonieri (.zip | 2,3 Mb)
• Stefano Bocchi (.zip | 7,1 Mb)
• Vittorio Ingegnoli (.zip | 140 Mb)

ANTROPOSFERA
Scarica il contributo di
• Francesca Antonacci e Monica Guerra (.zip | 3,4 Mb)
• Stefano Malatesta, Marcella Schmidt di Friedberg (.zip | 2,8 Mb)
• Mauro Van Aken (.zip | 2,7 Mb)
• Simone Ghezzi (.zip | 9,4 Mb)

INFORMAZIONI E CONTRIBUTI

Il gruppo di progetto è aperto ad accogliere nuove voci.
uomoambiente@museoscienza.it





PROGRAMMA

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio