Biografia Gianmario Beretta

10/02/1941 – 28/05/2014

Nato da famiglia lombarda di tradizione imprenditoriale, Gianmario dimostra già precocemente una spiccata attitudine per le scienze applicate, la tecnologia e il disegno tecnico.

Trasferitosi a Milano per frequentare le scuole superiori tecniche all’Istituto Galileo Galilei, diviene ben presto appassionato e assiduo frequentatore del Museo della Scienza e della Tecnica, passandovi interi pomeriggi in solitaria ammirazione.

Avendo completato in maniera brillante le scuole superiori, viene selezionato per una borsa di studio presso la Scuola Superiore Tecnica triennale del Politecnico di Milano. Non ancora terminati gli studi entra a far parte, sul finire degli anni ’50, della neonata azienda di famiglia attiva nelle fasi pionieristiche dello sviluppo delle tecnologie per l’estrusione di materie plastiche.

Sulla base delle sue intuizioni inventive e su suo disegno l’azienda Tenax sviluppa nel corso degli anno ’60 diversi processi per la realizzazione di strutture reticolari estruse e stirate in poli-olefine, tra le altre cose collaborando con il premio Nobel Natta, per uno dei primi utilizzi industriali del neonato poli-propilene.

A suo nome vengono concessi alla Tenax svariati brevetti internazionali di prodotto e di processo.

Al timone dell’azienda Tenax per tre decenni la porta ad espandersi in vari paesi europei, oltre che negli Stati Uniti e in Cina.

Alla fine degli anni ‘90, Gianmario decide di dedicarsi a tempo pieno alla sua passione del volo a vela: fondando l’azienda Alisport, con l’obiettivo di realizzare alianti ultraleggeri innovativi.

Nel giro di 15 anni Alisport sviluppa e commercializza con successo diversi modelli di aliante ultraleggero sotto la denominazione Silent. Lo sviluppo del concetto Silent culmina con la versione a propulsione elettrica Silent 2 Electro, primo modello di serie al mondo capace di decollo autonomo.

Nel 2016 a riconoscimento dei risultati ottenuti nel campo dell’innovazione aeronautica giunge postuma l’assegnazione del Diploma Angelo D’Arrigo, massima onorificenza per meriti ambientali assegnata dalla Federazione Aeronautica Internazionale.



indietro
Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio