artigiano

< torna
Tipologia scultura
Ambito culturale manifattura giapponese
Cronologia secc. XIX/ XX
Numero inventario 1119
Collocazione deposito
Materiali e tecnica avorio/ intaglio/ pittura
Misure altezza: 6  cm
lunghezza: 3,7 cm
spessore: 3,1 cm
Acquisizione Edi Mauro, 1954
Scheda a cura di Isabella Tedeschi
Referente scientifico Pietro  Amadini

Descrizione

Statuetta, okimono (letteralmente: oggetto da posare), in avorio, raffigurante un artigiano che produce piccole bambole in cartapesta dipinta di Daruma. Alcuni dettagli, come i capelli e le decorazioni del kimono, sono rimarcati in nero.

Provenienza

  • Collezione Francesco Mauro    - 1954

Notizie Storico Critiche

La parola okimono significa letteralmente "oggetto da posare" e può fare riferimento a statuette di varie dimensioni e materiali quali il bronzo, la porcellana, il legno e, come in questo caso, l'avorio. Si tratta a tutti gli effetti di un soprammobile, ma non viene considerato tale in quanto l'arredamento giapponese tradizionale non prevedeva l'esposizione di oggetti sopra tavolini o credenze, come d'uso in Occidente. Gli okimono erano posti solitamente sugli scaffali sfalsati o sul mobiletto che si trovava a fianco della nicchia detta "tokonoma" e, se particolarmente preziosi, erano posti direttamente nella nicchia, atta a ospitare il rotolo dipinto. In Giappone l'oggetto "da posare" non era esposto solo per la sua bellezza intrinseca, ma per il significato simbolico e benaugurale ad esso legato, ed era spesso mostrato in occasione di un evento o durante una particolare stagione.

Verso la fine del periodo Edo la creazione di piccoli manufatti quali netsuke e okimono subì un notevole incremento. Talvolta essi erano molto piccoli e si distinguono dai netsuke soltanto per l'assenza dei fori obliqui che servivano per inserire il cordoncino di seta da sospendere alla cintura. Si trattava in molti casi di oggetti da regalo con significato benaugurale e talvolta di veri e propri souvenir per chi passava per la capitale.
In periodo Meiji, il collezionismo di okimono e netsuke era comune fra i viaggiatori occidentali presenti in Giappone per affari o diletto.

I bambolotti raffiguranti Daruma si ritrovano anche oggi nelle bancarelle in prossimità dei templi. La tradizione li vuole prodotti senza che siano dipinti gli occhi. La persona che l'acquista dipinge dunque il primo occhio esprimendo un desiderio, per poi dipingere il secondo occhio quando il desiderio è esaudito. In seguito il bambolotto è portato al tempio dove se ne acquista un altro di dimensioni leggermente maggiori, e così via.

Riferimenti Bibliografici

    bibliografia di confronto
  • Neil K. Davey, "Netsuke: A comprehensive study based on the M. T. Hindson Collection", London, 1982 
  • Asseretto M. L., Frabetti G., Vantaggi A., "Accessori nell'abbigliamento giapponese: inro, netsuke e altri sagemono", Genova, 1985 
  • Schwarz K. M., "Netsuke Subjects Addendum", Austria, 2001 
  • Bordignon L., "The Golden Age of Japanese Okimono", China, 2010 

Immagini

artigiano

artigiano

artigiano

artigiano

Stampa la scheda



Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio