Vaso da farmacia a corpo globulare -

Oggetti simili a Vaso da farmacia

Categoria principale Farmacia
Periodoinizio sec. XVIII
Anni1700 - 1720
Numero inventario1936
Collocazionepiano terra, sala Farmacia conventuale
Altezza21 cm
Diametro19 cm
Peso-
Materialimaiolica / decorazione
Acquisizione Silvestri ditta

Descrizione

Vaso a corpo globulare su alto piede piano ed espanso, comunemente denominato orciolo. Collo cilindrico da cui si diparte, appena sotto l'orlo, una larga ansa nastriforme che scende fino a sotto la spalla. Larga apertura con orlo estroflesso. Dalla spalla si diparte un beccuccio a cannello cilindrico.

Funzione

Vaso usato in farmacia per contenere un principio attivo, un essenza o altro. La dicitura sul corpo del vaso indica il nome del contenuto:"Ol. Lilior. Alb.".

Notizie storico-critiche

Il decoro è presente in numerose manifatture settecentesche in modo particolare nella zona veneta dove l'ornato è generalmente reso con grande accuratezza. Su un cartiglio applicato sul collo doveva essere indicato il nome di un preparato per cui si deduce che il vaso fu usato in un secondo tempo per prodotti differenti da quello originario. Il cartiglio reca stampato il nome dell'istituto farmaceutico torinese Schiapparelli, attivo a Settimo torinese fin dal 1924. Si pensa ad una provenienza da tale farmacia. A livello di ipotesi non si escluderebbe una produzione di fabbriche minori piemontesi o lombarde attorno alla prima metà del XVIII secolo. L'uso di un tono di blu così intenso non esclude l'ipotesi. Purtroppo la "sporcizia" dei vasi dovuta alla presenza di sostanze un tempo contenute negli orcioli, impedisce di poter distinguere pienamente la qualità della pasta che ad una prima analisi sembrerebbe chiara. Il Pedrazzini indicando corredi farmaceutci con decori analoghi non esclude l'attribuzione a fabbriche liguri savonesi e piemontesi. Si veda in proposito quanto affermato per la Farmacia di Alessandria (Pedrazzini 1934 figure a pp.93-96). Tuttavia le indagini più recenti e i numerosi riscontri in ambito veneto ci rassicurano nell'attribuire l'orciolo a la Manifattura Manardi a Bassano in un periodo compreso tra la fine del XVII e la metà del XVIII secolo. Si veda N. Stringa, Veneto, in Museo d'Arte Applicata, le Ceramiche Tomo II, Milano 2001, nn. 461-469 pp.507-511.

Riferimenti Bibliografici:

  • Pedrazzini C. ''La Farmacia storica ed artistica italiana'' 1934 Milano
  • Stringa N. ''Museo d'Arte Applicata, le Ceramiche'' 2001 Milano
argomento categoria:Industria della ceramica lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio