Ricevitore - Philips Mod. 2515

Oggetti simili a Ricevitore

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttorePhilips
Periodosecondo quarto sec. XX
Anni1928 - 1932
Numero inventario8706
CollocazioneDeposito
Altezza17 cm
Larghezza19 cm
ProfonditÓ27 cm
Peso7 kg
Materialibachelite, metallo
AcquisizioneFasola, Ettore

Descrizione

Il ricevitore Ŕ formato da una scatola in metallo verniciato. Sul frontale sono presenti le manopole e gli interruttori di comando: cambio gamma (manopola a sinistra), reazione (manopola centrale), sintonia (manopola a destra); pi¨ in basso sono presenti quattro prese cortocircuitabili con uno spinotto estraibile e i due tasti di accensione e spegnimento . Sulla lato superiore della scatola Ŕ presente la scala numerica di sintonia. Mentre il lato posteriore Ŕ apribile per permettere l'ispezione e la manutenzione delle tre valvole. Alla base di questa apertura vi sono: la presa per l'altoparlante, il cordone di alimentazione (155 Volt) e la presa d'antenna.

Funzione

Il modello 2515 della Philips detto anche "Il Casaphone" Ŕ un ricevitore AM (Modulazione d'Ampiezza) con circuito a reazione a tre valvole (E415, B443, 506). La reazione viene regolata variando la capacitÓ attraverso la manopola centrale, mentre l'alimentazione poteva essere presa direttamente dalla rete elettrica casalinga. Il dispositivo per essere usato andava necessariamente corrredato con altoparlante e antenna a telaio. Questo ricevitore poteva captare onde medie e lunghe, di frequenza compresa tra 200 e 2000 metri. Il costo del ricevitore all'epoca era di Lire 1.035

Riferimenti Bibliografici:

  • Casi F. ''Il mondo in casa / I primi quaranta anni di storia della radio'' 1993
argomento categoria:Telecomunicazioni via radio lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio