Pietra lunare -

Categoria principale Astronomia e Astrofisica
CostruttoreNational Aeronautics and Space Administration (NASA)
Periodoterzo quarto sec. XX
Anno1972
Numero inventario8373
CollocazioneDeposito
Altezza30 cm
Larghezza23 cm
Spessore3 cm
Peso1,5 kg
Materialilegno, pietra, stoffa, vetro
AcquisizioneAmbasciata degli Stati Uniti d`America

Descrizione

Oggetto formato da una base rettangolare in legno sulla quale sono fissati un frammento di roccia lunare e una piccola bandiera italiana. La roccia è immersa in una sfera di vetro sintetico (realizzata in PMMA, polimetilmetacrilato) a fini protettivi mentre la bandiera è coperta da un piccolo vetro anch'esso in PMMA. Incollate sulla base in legno, in corrispondenza dei due oggetti, sono posizionate due targhette metalliche con le didascalie e dediche.

Funzione

Si tratta di un oggetto simbolico, emblematico, dalla funzione puramente commemorativa. Venne realizzato per celebrare il progetto Apollo che permise all'Uomo di raggiungere la Luna a cavallo tra gli anni '60 e '70.

Notizie storico-critiche

I campioni di roccia lunare riportati a terra dalle varie missioni Apollo non ammontano che a circa 380 kg in tutto. Sono tra i reperti più rari e preziosi che gli scienziati hanno a disposizione per studiare le caratteristiche geologiche del nostro satellite naturale e quindi i processi che hanno portato alla formazione sia del sistema Terra-Luna che di tutto il Sistema Solare. Unico del suo genere in Italia, questo piccolo frammento di roccia è stato raccolto sul suolo del nostro satellite dagli astronauti dell'Apollo 17, l'ultima missione umana sulla Luna che si svolse fra il 7 e il 19 dicembre 1972. La bandiera italiana - insieme a quella di altre 134 nazioni - venne invece imbarcata dalla NASA sulla navicella America (il modulo di comando di Apollo 17) come segno di condivizione con tutte le nazioni del Mondo della straordinaria avventura di esplorazione lunare che stava andando a conclusione. La pietra, appartenente alla grande famiglia dei basalti ovvero delle rocce ignee effusive (in pratica si tratta di un pezzo di lava), è stata raccolta da Eugene Cernan, il comandante della missione Apollo 17, nell'area nota come Taurus Littrow Valley una regione scelta appositamente per le sue prerogative geologiche. Eugene Cernan sapeva che sarebbe stato l'ultimo uomo ad avere la possibilità di arrivare sulla Luna. Concludendo la sua missione il suo ultimo collegamento radio venne dedicato ai giovani di tutta la Terra ai quali augurò un futuro di pace e armonia. Raccontò di come con il collega Harrison Schmitt avevano raccolto un campione di roccia molto significativo sperando che potesse essere spezzettato e donato a tutti i popoli della Terra in segno di fratellanza. Da quel momento la roccia venne battezzata Goodwill Rock, ovvero roccia della speranza. Questo affascinante e suggestivo reperto è stato donato nel 1973 dall'amministrazione americana, nella figura dell'allora presidente Richard Nixon, al governo italiano, nella figura dell'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone, come segno di amicizia fra i due popoli.

argomento categoria:Astronautica lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio