Pompa a vapore verticale accoppiata - pompa a vapore Merryweather

Oggetti simili a Pompa a vapore

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttoreMerryweather e Sons
Periodoseconda metā sec. XIX
Numero inventario2360
Collocazionepiano -1, Sala Fonti energetiche
Altezza186 cm
Larghezza86 cm
Lunghezza106 cm
Peso-
Materialiferro, ghisa, ottone, rame
Acquisizione Museo Navale di La Spezia

Descrizione

Questa pompa a vapore Merryweather si sviluppa in verticale. Nella parte inferiore č collocato un focolaio con sportello apribile. Sopra ad esso č inserita una caldaia verticale con fumaiolo per l'emissione del vapore. Nella caldaia č presente un sistema di controllo della pressione. Alla caldaia, nella parte posteriore, sono collegati un cilindro verticale e due vasi di espansione. L'asta dello stantuffo contenuto nel cilindro č collegata ad una biella che trasferisce il moto al pistone di una pompa aspirante-premente. Il moto di questa pompa č regolarizzato da un piccolo volano. I vasi di espansione venivano collegati a degli idranti.

Funzione

La pompa a vapore Merryweather era utilizzata per il pompaggio di acqua per idranti dei Vigili del Fuoco

Modalitā d'uso

Il focolaio posto sotto la caldaia, scalda l'acqua. Il vapore generato espande nel cilindro collegato, tramite l'asta dello stantuffo, al pistone di una pompa aspirante-premente. Ad ogni corsa dello stantuffo la pompa manda un getto d'acqua. Un piccolo volano regolarizza il moto della biella. I due vasi di espansione, collegati uno all'ingresso l'altro all'uscita dell'acqua, servono a rendere regolare il getto dell'idrante. Sotto i vasi di espansione si trovano gli attacchi per i tubi dell'acqua.

Notizie storico-critiche

Questa pompa a vapore fu costruita su brevetto Merryweather & Jakeman's (N° 3024). Con questo brevetto, la ditta vinse il primo premio ad un concorso per la realizzazione del miglior idrante per i Vigili del Fuoco. L'esistenza di questi idranti a vapore fece fare un salto in avanti alla sicurezza contro gli incendi; infatti fino a metā del 1800 l'estinzione di incendi era affidata a pompe azionate a mano, secchiate d'acqua e palettate di sabbia.

Riferimenti Bibliografici:

  • Motori Primi ''Motori Primi Metallurgia - Fonderia / nel Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci'' 1959 Milano
argomento categoria:Macchine e dispositivi per la produzione di energia lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio