Sezione di cilindro per distribuzione a cassetto per locomotiva a vapore -

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
Periodoultimo quarto sec. XIX
Anno1870
Numero inventario2361
Collocazionepiano -1, Sala Fonti energetiche
Altezza86 cm
Larghezza77 cm
Lunghezza127 cm
Peso-
Materialiacciaio/ fusione/ verniciatura, ferro, ghisa, ottone
Acquisizione Ferrovie Nord Milano

Descrizione

Questa sezione di cilindro per distribuzione per locomotiva a vapore ha fini didattico-rappresentativi. E' costituita da un cilindro sezionato con stantuffo e un sistema di distribuzione del vapore a cassetto. All'interno del cilindro, posto orizzontalmente, scorre uno stantuffo al quale fissato un gambo che attraversa il coperchio posteriore del cilindro stesso passando da un premistoppa che impedisce l'uscita del vapore. Lo stantuffo costituito da diversi anelli di acciaio fuso che agiscono come molla e premono sulle pareti del cilindro. Il cilindro, orizzontale, munito di due luci per l'introduzione e lo scarico del vapore che terminano sulla tavola del cilindro (tavola di scorrimento del cassetto), posta superiormente. Una delle due luci collegata con un tubo di scarico del vapore. Sopra al cilindro infatti presente, sempre sezionata, la scatola del vapore nella quale si trova il cassetto di distribuzione vero e proprio. Questo costituito da un doppio blocco cavo di ghisa che scorre sulla tavola del cilindro. Al cassetto collegato un gambo che si muove di moto rettilineo, che veniva posto in movimento solidalmente all'albero motore attraverso opportuni sistemi di distribuzione.

Funzione

Sezione rappresentativo-didattica di un dispositivo per la distribuzione del vapore in un cilindro di locomotiva. Il cassetto di distribuzione regola, in maniera automatica, l'afflusso del vapore nel cilindro in perfetta sincronia con il moto della macchina di cui fa parte; in questo caso una locomotiva.

Modalit d'uso

Il vapore proveniente dalla caldaia, entra nella scatola del vapore posta sopra al cilindro. Il cassetto di distribuzione, collegato all'albero motore, scorre sulla tavola del cilindro e, a seconda della posizione, pu chiudere entrambe le luci di collegamento al cilindro stesso oppure aprirne una delle due. Il cassetto quindi permette, a tempo giusto, l'ingresso del vapore nel cilindro fino a che non risulti pieno, poi chiude l'accesso che lo collega alla caldaia. Successivamente permette l'ingresso del vapore sull'altra faccia dello stantuffo (doppio effetto). Analogamente regola la fuoriuscita del vapore attraverso un tubo di scarico. L'interno cavo del cassetto di distribuzione determina la creazione di un ulteriore canale di collegamento del vapore con il cilindro, permettendo una pi rapida introduzione del vapore. Ad un certo punto della corsa del cassetto, infatti, questo canale comunica con la scatola del vapore, per cui il vapore entra nel cilindro dalla luce d'ingresso sia lateralmente che attraverso il canale stesso. Il gambo della stantuffo veniva poi collegato, mediante opportuni dispositivi, alle manovelle o agli assi a gomiti necessari a trasferire il moto all'apparato di locomozione. epermette una rapida introduzione del vapore: infatti, ad un certo punto della corsa del cassetto, questo canale

Notizie storico-critiche

Il cassetto di distribuzione fu inventato da Murdock, giovane collaboratore di Boulton e Watt nel 1798 e rese possibile la distribuzione del vapore in maniera controllata dalla caldaia ai cilindri e ritorno. Questa sezione di cassetto di distribuzione, prima di essere donata al Museo, era in uso su una locomotiva delle Ferrovie Nord Milano.

Riferimenti Bibliografici:

  • Forti U. ''Tecnica e Progresso Umano'' 1963 Milano
  • Haeder H./ Webber E. ''Macchine a vapore Turbine a vapore'' 1911 Milano
  • Loria L. ''Le strade ferrate'' 1892 Milano
argomento categoria:Macchine e dispositivi per la produzione di energia lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio