Ricevitore di telefono Bell a calamita ad U -

Oggetti simili a Ricevitore

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
InventoreBell Alexander Graham
Periodoultimo quarto sec. XIX
Anni1885 - 1890
Numero inventario8287
CollocazioneDeposito
Altezza14 cm
Diametro7 cm
Peso-
Materialiebanite, ferro, legno, ottone, rame
AcquisizioneComm. Franzi - Soresini

Descrizione

E' costituito da una custodia cilindrica svasata di ebanite. Nella parte più ampia è presente un padiglione circolare. All'interno della custodia cilindrica è inserito un magnete ad U. Alle due estremità (poli) del magnete, su due nuclei di ferro dolce, sono avvolti due elettromagneti i cui capi terminano ad una coppia di serrafili posti sull'estremità della custodia cilindrica. Davanti a questo elettromagnete, in corrispondenza della svasatura del padiglione, è inserita una sottile membrana in ferro dolce. Vicino ai serrafili è presente un gancio che serviva per appendere il ricevitore al telefono.

Funzione

Questo ricevitore era parte dei primi apparecchi telefonici industriali e permetteva la ricezione della voce.

Modalità d'uso

Le correnti, provenienti dal microfono dell'apparecchio con cui si era in comunicazione, giungevano attraverso i serrafili agli elettromagneti del ricevitore racchiusi all'interno del padiglione. Queste correnti, circolando negli elettromagneti, determinavano la produzione di un campo magnetico variabile e quindi le oscillazioni della membrana in ferro. Data la corrispondenza tra vibrazioni meccaniche, acustiche e corrente elettrica, le vibrazioni della membrana restituivano esattamente i suoni in ingresso nel trasmettitore.

Notizie storico-critiche

Bell compì molti studi di acustica ed ortofonia che lo condussero all'invenzione del telefono. Bell presentò il suo primo brevetto sul telefono il 14 febbraio 1876 e questi fu accettato il 7 marzo dello stesso anno (U.S. Patent 174,465 Improvement in Telegraphy). Nello stesso anno presentò il suo telefono all'Esposizione di Filadelfia dove ottenne molto successo che gli permise di trovare i finanziamenti per realizzarlo su scala industriale, creando l'impresa telefonica Bell Telephone Company. A questo brevetto ne seguirono numerosi altri. Questo ricevitore telefonico è un esempio del terzo e definitivo modello industriale realizzato dalla Bell Telephone Company e copiato da molti altre aziende costruttrici, quali ad esempio la Kellogg. Il magnete ad U fu introdotto per migliorare la potenza del segnale generato e la sensibilità del ricevitore, infatti i magneti a ferro di cavallo producono campi molto intensi e questo permette l'impiego di membrane più spesse che non alterano la trasmissione ma migliorano la ricezione.

Riferimenti Bibliografici:

  • Brenni P. ''Gli strumenti di fisica dell'Istituto Tecnico Toscano / Elettricià e Magnetismo'' 2000 Firenze
  • Marchini L. ''La nascita delle telecomunicazioni'' 1993 Milano
  • Telecomunicazioni voce ''Telecomunicazioni/la voce / Mostra storica'' 1988 Milano
  • Maier J., Preece W. H. ''Das Telephon und dessen pratiktische Verwendung'' 1889 Stuttgart
  • Coe L. ''The telephone and its several Inventors. A History.'' 1995 Jefferson, Londra
  • Enciclopedia Arti ''Enciclopedia delle Arti e Industrie'' 1895 Torino
argomento categoria:Telecomunicazioni via cavo lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio