Apparecchio fotografico per cinetismi, a soffietto, a lastre -

Oggetti simili a Apparecchio fotografico

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttoreG. Rodenstock
Periodo sec. XX
Anni1949 - 1959
Numero inventario8109
CollocazioneDeposito
Altezza25,5 cm
Larghezza18 cm
Lunghezza33 cm
Peso-
Materialilegno, metallo, ottone, tessuto
AcquisizioneZergnani, Romano

Descrizione

Questo apparecchio fotografico è costituito prevalentemente in legno con soffietto in tessuto. L'apparecchio veniva trasportato ripiegato per minor ingombro e per proteggere il soffietto. Una volta sbloccati i dispositivi metallici che lo tengono ripiegato ed aperta la struttura in legno, si posiziona il soffietto sulle cremagliere e l'apparecchio è pronto per l'uso. Posteriormente veniva inserito il porta lastre , su materiale Viticolor, (mancante) e attraverso due rotelle poste lateralmente era possibile variarne la distanza rispetto all'obiettivo permettendo la messa a fuoco. L'obiettivo è posto frontalmente, inserito su un supporto in legno estraibile. La regolazione dell'apertura del diaframma (indicazioni numeriche da 5,5 a 62) e della velocità dell'otturatore Compound (da 1 a 1/250 di secondo) avvenivano direttamente sui dispositivi stessi. Lo scatto dell'otturatore era attivato tramite una cavetto flessibile collegato all'otturatore stesso. Sulla base sono inserite due placche metalliche che venivano probabilmente utilizzate per fissare l'apparecchio ad un cavalletto.

Funzione

Questo apparecchio portatile veniva utilizzato per realizzare fotografie cinematiche.

Modalità d'uso

Una volta aperto l'apparecchio e posizionato il soffietto ci si posiziona davati al soggetto da fotografare, meglio se poggiando l'apparecchio su un cavalletto. Guardando l'immagine nel vetro smerigliato, si regolano l'inquadratura e la messa a fuoco, mediante i comandi sul cavalletto e le rotelle che regolano lo scorrimento sulla doppia cremagliera. Nel vetro smerigliato compare l'immagine del soggetto, a testa in giù e con destra e sinistra scambiate. A questo punto, si sostituisce il vetro smerigliato con una lastra fotografica e la si scopre, permettendo così alla luce di entrare nella camera oscura, attraverso l'obiettivo. La lastra fotografica viene impressionata con l'immagine desiderata. I tempi di posa erano abbastanza lunghi. Questo apparecchio realizzava negativi in formati abbastanza grandi da poter essere direttamente stampati senza necessità di ingrandimenti.

argomento categoria:Fotografia lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio