Accenditore a pietrina per magnesio -

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
Ambito culturalemanifattura
Periodo secc. XIX/ XX
Anni1890 - 1920
Numero inventario6040
CollocazioneDeposito
Altezza28 cm
Larghezza7 cm
Lunghezza7 cm
Peso-
Materialilegno, metallo
Acquisizione Publifoto

Descrizione

Questo dispositivo Ŕ costituito da un'asta in metallo con manico in legno al cui capo opposto Ŕ inserita una vaschetta rettangolare in metallo con coperchio. Sull'asta, in corrispondenza del manico, Ŕ inserita una levetta abbassando la quale si fa scattare un dispositivo in metallo posto in prossimitÓ della vaschetta. La vaschetta Ŕ apribile per consentirne la pulizia e l'inserimento della polvere di magnesio.

Funzione

Questo dispositivo veniva utilizzato come flash per illuminare un soggetto da fotografare.

ModalitÓ d'uso

Una scintilla, innescata da un meccanismo a scatto, bruciava la polvere di magnesio, contenuta nella vaschetta rettangolare, che generava un lampo di luce molto intenso.

Notizie storico-critiche

Le lampade al magnesio vennero utilizzate a partire dal 1865 anche se il magnesio era molto caro e la sua attinicitÓ mal si coniugava con la sensibilitÓ spettrale delle emulsioni fotografiche. Agli inizi del '900, con la nascita delle pellicole pancromatiche e la produzione industriale del magnesio che ne abbass˛ i costi, il lampo al magnesio si diffuse rapidamente. Queste lampade consistevano in contenitori attrezzati per bruciare polvere di magnesio. Il flash di queste lampade produceva molto fumo e polveri di ossido di magnesio. Questo inconveniente venne superato con il brevetto di Erwin Quedenfeldt che nel 1900 present˛ una lampada simile a quelle a bulbo in vetro per l'illuminazione elettrica che conteneva polvere di magnesio sopra al filamento che ne avrebbe causato l'accensione. Naturalmente questo tipo di lampade flash non prevedeva alcuna sincronizzazione tra accensione della lampada e scatto dell'otturatore. Un passo avanti fu la diffusione delle pile a secco utilizzate per l'accensione elettrica delle lampade. Un altro avvenne nel 1929 quando la lampada Vakublitz fu prodotta da Johannes Ostermeier su progetto di Paul Vierkotter. Egli inizialmente aveva ideato un filamento di magnesio contenuto in un bulbo contenente ossigeno a bassa pressione (1925) ma, nel 1927, aveva sostituito il magnesio con dei foglietti di alluminio. La Vakublitz si diffuse rapidamente e prodotti analoghi furono messi in commercio dalla General Electric (Sashalite, 1930) e dalla Philips (Photoflux, 1933).

argomento categoria:Fotografia lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio