Apparecchio fotografico reflex binoculare, con mirino a pozzetto, a pellicola 6x9cm - Voigtländer Brillant

Oggetti simili a Apparecchio fotografico

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttoreVoigtländer e Sohn
Periodo sec. XX
Anni1933 - 1938
Numero inventario7761
CollocazioneDeposito
Altezza17 cm
Larghezza8,5 cm
Lunghezza10 cm
Peso500 g
Materialimetallo, vetro
Acquisizione Publifoto

Descrizione

Apparecchio fotografico di forma parallelepipeda e piccole dimensioni, in metallo verniciato. Superiormente troviamo il mirino a pozzetto apribile, con paraluce in metallo. Frontalmente sono inseriti, uno sopra l'altro due obiettivi: quello superiore, di traguardazione, per la messa fuoco e l'altro, di ripresa, per l'esposizione della pellicola, che comprende diaframma a iride e otturatore centrale. I due obiettivi sono posti ad una distanza di qualche centimetro per cui l'errore di parallasse è minimo. Dietro al primo obiettivo, all'interno dell'apparecchio è inserito uno specchietto inclinato. Sul secondo obiettivo sono inseriti i dispositivi di regolazione della velocità di scatto dell'otturatore (1/25, 1/50 di secondo più la posa B in cui l'otturatore resta aperto fino a che non si rilasci il dispositivo di scatto), di messa fuoco a soggetto (ritratti, gruppi, paesaggi, per distanze di ripresa da 1m a infinito), di apertura del diaframma (con posizioni 9, 11, 22). La levetta per lo scatto dell'otturatore è inserita sul secondo obiettivo in corrispondenza dell'otturatore stesso posizionato all'interno. E' inoltre presente un foro per l'inserzione di uno scatto flessibile. Aprendo la parete posteriore ed inferiore dell'apparecchio si accede all'interno per il posizionamento e la sostituzione della pellicola in rullo (per formati 6x9cm) su due bobine posizionate sopra e sotto la camera oscura. Mediante quattro fermi apribili dall'esterno è possibile inserire o levare il rullo. All'esterno, lateralmente, è inserita la rotella per l'avanzamento della pellicola. Sotto l'apparecchio sono presenti una finestrella ricoperta da un vetrino rosso per la lettura del numero del fotogramma direttamente sul retro della pellicola e un foro filettato che permette il posizionamento su un trepiede.

Funzione

Apparecchio fotografico portatile utilizzato sia da fotografi amatoriali che professionisti. In particolare era molto diffuso tra i fotoreporter (di guerra e giornalisti). Si potevano realizzare negativi di formato 6x9cm.

Modalità d'uso

Di fronte al soggetto da fotografare, si impugna l'apparecchio fotografico e si guarda, da sopra, nel mirino a pozzetto. L'obiettivo di traguardazione traccia l'immagine su un vetro smerigliato, previa riflessione su uno specchietto inclinato: questa si presenta dritta ma lateralmente invertita. L'obiettivo di ripresa che comprende il diaframma e l'otturatore, regolabili manualmente dal fotografo, traccia l'immagine che viene proiettata sulla pellicola. I due obiettivi con uguale distanza focale, sono montati su uno stesso supporto e vengono dunque messi a fuoco contemporaneamente. Grazie alla presenza dei due obiettivi non è necessario il sistema a specchietto reclinabile come nelle reflex monoculari. Con questo apparecchio si ottengono fotogrammi quadrati delle stesse dimensioni dell'immagine di traguardazione.

Notizie storico-critiche

Le reflex binoculari, si diffusero a partire dalla fine degli anni '20 del XX secolo, grazie alla semplicità d'uso e all'impiego di pellicole in rullo da cui si ottengono fotogrammi quadrati di dimensioni tali da ottenere stampe a contatto già di buone dimensioni o comunque una buona definizione dei dettagli. Rispetto alle reflex monoculari hanno il pregio di avere lo specchio fisso senza necessità di farlo chiudere durante la ripresa, in questo modo il soggetto inquadrato è sempre visibile, anche al momento dello scatto. (Le prime reflex monoculari con visore a pozzetto non permettevano la visione del soggetto inquadrato durante lo scatto). L'aspetto svantaggioso delle reflex binoculari è la difficoltà di disporre di ottiche intercambiabili, per un corredo ottico di maggiore flessibilità, necessario soprattutto ai fotografi professionisti. Inoltre bisognava tenere conto dell'inevitabile errore di parallasse che si aveva a causa della distanza tra l'obiettivo di traguardazione e quello di ripresa. Questo tipo di apparecchi divenne molto popolare anche tra i fotografi di guerra e i fotoreporter grazie alla velocità d'uso e alla maneggevolezza dell'apparecchio. Le reflex binoculari sono state utilizzate fino agli inizi degli anni '80.

Riferimenti Bibliografici:

  • Williamson D. ''Comprehensive Guide for Camera Collectors'' 2004 Atglen, USA
  • Price Guide ''Price Guide to Antique & Classic Cameras 1995 - 1996'' 1994 Grantsburg, USA
  • Hedgecoe J. ''Fotografare / tecnica e arte'' 1976 Milano
  • White R. ''Discovering Old Cameras 1839 - 1939'' 2001 Princes Risborough, UK
argomento categoria:Fotografia lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio