Apparecchio fotografico a sviluppo rapido, a soffietto, a controllo manuale - Polaroid Electric Eye 900

Oggetti simili a Apparecchio fotografico

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttorePolaroid Corporation, Zeiss Ikon
Periodo sec. XX
Anni1960 - 1963
Numero inventario9759
CollocazioneDeposito
Altezza25 cm
Larghezza14,5 cm
Lunghezza22 cm
Peso2,2 kg
Materialimateriale plastico, metallo, pelle, tessuto, vetro
AcquisizioneSealed Air. S.r.l.

Descrizione

Apparecchio fotografico pesante, a sviluppo verticale, di forma parallelelepipeda in metallo con bordi arrotondati. Ad un'estremitÓ Ŕ fissata una maniglia in cuoio per il trasporto e l'impugnatura. Sul lato lungo di destra Ŕ fissato un mirino con telemetro. E' inoltre presente un esposimetro costituito da una cellula fotoelettrica che regola automaticamente i tempi di esposizione. Accanto Ŕ inserita una slitta per il posizionamento di un flash esterno. Aprendo lo sportello anteriore, incernierato nel lato inferiore, Ŕ possibile estrarre il soffietto in tessuto e pelle grigia, libero di scorrere su due guide metalliche posizionate nell'interno dello sportello stesso. Per far scorrere il soffietto occorre agire sull'apposita rotella posta sullo sportello. Lo sportello Ŕ mantenuto aperto da due tiranti in metallo. Il soffietto termina con un telaio in metallo sul quale Ŕ posizionato il porta obiettivo in metallo. La lettura della distanza di ripresa pu˛ avvenire rispetto ad una scala graduata fissata sull'interno del coperchio che riporta le distanze da 3 1/2 ft a infinito. Lo sportello aperto poggia su una linguetta in metallo estraibile. Sullo sportello Ŕ presente un foro filettato per il posizionamento su un cavalletto. Sul porta obiettivo sono inseriti quasi tutti i dispositivi d'uso. Inferiormente si trova un selettore a slitta per la sensibilitÓ della pellicola ( da 50 a 6000 ASA in modalitÓ elettrica, da 10 a 23 EV in modalitÓ manuale). Mediante un dispositivo a slitta posto superiormente si regolano le condizioni di ripresa secondo posizioni prestabilite (esterno, interno, interno con illuminazione). Lateralmente, a destra, si trova la leva di carica dell'otturatore. Sotto al porta obiettivo, sullo sportello sono inseriti due pulsanti per lo scatto dell'otturatore da premere contemporaneamente. La parete posteriore dell'apparecchio Ŕ incernierata sul lato sinistro e apribile. Sbloccato il fermo metallico posto anteriormente l'apparecchio si apre per il cambio del caricatore contenente le pellicole con l'apposito spargi-reagente. Sul lato sinistro del dorso Ŕ inserita una levetta rossa per il rilascio della pellicola (che permette di tirare la linguetta per lo sviluppo). Sulla parete posteriore si trova uno sportello apribile per l'estrazione della stampa sviluppata. Su questo sportello Ŕ inserita una tabella con le istruzioni d'uso dell'apparecchio.

Funzione

Apparecchio fotografico a sviluppo rapido per usi professionali. Di semplice impiego produce, in pochi minuti, stampe positive stabili a colori o in bianco e nero di formato 8,3x10,8cm (con area impressa 7.2 x 9.5 cm). Non si ha il negativo. Per ogni pellicola (serie Polaroid 40) si potevano realizzare 8 stampe.

ModalitÓ d'uso

Innanzi tutto si prepara l'apparecchio per l'uso: si apre lo sportello, si estrae il soffietto e lo si posiziona alla distanza desiderata guardando nel mirino per la messa a fuoco. Si seleziona la modalitÓ d'uso (elettrico o manuale), la velocitÓ della pellicola, le condizioni di ripresa. Si abbassa la leva di carica dell'otturatore e si scatta lentamente. Spostando la levetta rossa sul retro si rilascia la pellicola e si pu˛ tirare la linguetta per attivare lo sviluppo. Tirando la linguetta la pellicola avanza sul fotogramma successivo. Tirare con decisione fino a che la linguetta si ferma. Se la linguetta non si muove spostare nuovamente la levetta rossa o aprire e richiudere lo sportello posteriore. Aspettare il tempo di sviluppo necessario. Aprire lo sportello posteriore per estrarre la fotografia sviluppata. Coprire la stampa con il Polaroid Print Coater (vernice protettiva) fornito con la pellicola.

Notizie storico-critiche

Il supporto iniziale delle pellicole Polaroid a sviluppo istantaneo venne brevettato e registrato nel 1929 (Brevetto 1918848) dalla Polaroid Corporation e sviluppato successivamente nel 1932 da Edwin H. Land. La prima fotocamera a sviluppo istantaneo risale al 1947, anno in cui Edwin Land present˛ la Polaroid Instant Camera all'Optical Society of America. Fino al 1963 erano possibili solo stampe in b/n, da quella data divennero disponibili anche stampe istantanee (circa 60 secondi) a colori. Se le prime fotocamere istantanee erano pesanti e ingombranti, solo per immagini in b/n e con problemi di stabilitÓ nel tempo, ben presto divennero pi¨ leggere, pi¨ semplici da usare e con minori problemi di stabilitÓ e di inquinamento (le prime fotocamere istantanee producevano un negativo da buttare al momento poi si introdusse l'uso di caricatori contenenti pi¨ pellicole). Nel 1972 la Polaroid introdusse sul mercato la prima reflex monoculare a sviluppo rapido con batteria incorporata nel caricatore. Dal 1985 anche la Kodak cominci˛ a produrre apparecchi a sviluppo istantaneo e gli affari della Polaroid iniziarono ad andare male. La polaroid fece causa alla Kodak, vincendo. La Kodak dovette ritirare dal mercato i suoi apparecchi a sviluppo rapido. Dal febbraio 2008 le pellicole Polaroid a sviluppo istantaneo non vengono pi¨ prodotte. Oggi le fotocamere a sviluppo istantaneo Polaroid sono state sotituite dalle nuove Zink che contengono una piccolissima stampante a colori che opera su una carta fotografica particolare, fatta di pigmenti critallini che si colorano grazie a un processo termico. Questa fotocamera fa parte della serie delle Land Polaroid Camera che utilizzano pellicole in rullo Serie 40. Questo modello Ŕ stato il primo ad avere esposizione automatica con esposimetro a fotocellula ed otturatore controllato elettronicamente (Electric Eye).

Riferimenti Bibliografici:

  • Williamson D. ''Comprehensive Guide for Camera Collectors'' 2004 Atglen, USA
  • Price Guide ''Price Guide to Antique & Classic Cameras 1995 - 1996'' 1994 Grantsburg, USA
  • Hedgecoe J. ''Fotografare / tecnica e arte'' 1976 Milano
argomento categoria:Fotografia lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio