Disco di nipkow per televisore meccanico -

Oggetti simili a Disco di nipkow

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
InventoreNipkow Paul Gottlieb
Periodo sec. XX
Anno1931
Numero inventario12148,12149,12150
CollocazioneDeposito
Lunghezza0,3 cm
Diametro33 cm
Peso5 kg
Materialialluminio
AcquisizioneFracarro Radioindustrie

Descrizione

Disco di Nipkow in alluminio a spirale di fori (ovvero i fori sono disposti a spirale in prossimità del bordo più esterno). Ha quattro razze con una superficie verniciata di nero.

Funzione

Disco utilizzato per analizzare e riprodurre le immagini in un televisore meccanico Fracarro.

Modalità d'uso

La scansione delle immagini avveniva con un metodo meccanico. Grazie al moto rotatorio del disco si esplorava l’intera immagine (riga dopo riga), trasmettendo nello spazio retrostante un segnale luminoso che veniva convertito in impulsi elettrici.

Notizie storico-critiche

Il primo dispositivo inventato per trasmettere le immagini fu il disco di Nipkow, brevettato in Germania nel 1884 dallo scienziato tedesco Paul Gottlieb Nipkow. La scansione delle immagini avveniva con un metodo meccanico. Nipkow però non realizzò mai un prototipo di televisore, soprattutto a causa della mancanza di un adeguato metodo di amplificazione dei segnali elettrici deboli. Nel 1926, il britannico John Logie Baird propose una evoluzione al prototipo di Nipkow: utilizzare una cellula fotoelettrica, recentemente ideata, per raccogliere la luce proveniente dai vari forellini del disco. La cellula era connessa a un circuito che produceva un segnale elettrico trasmesso al sistema ricevente. Sistema ricevente anch'esso realizzato con un disco di Nipkow, in rotazione sincronizzata rispetto a quello trasmittente, con una lampada che proiettava i segnali trasmessi. Nasceva così il primo televisore meccanico. Questo disco di Nipkow in Alluminio è stato realizzato e commercializzato dalla Fracarro nel 1931. A seconda del numero di fori era utilizzabile per la ricezione dei programmi televisivi di Londra o di Berlino. L'esatta posizione dei fori e la losor sezione quadrata erano i principali fattori responsabili della nitidezza dell'immagine in visione. Il costo di questi dischi era di 45 Lire cad più 10 Lire per l'imballo e la spedizione. Prezzo molto competitivo per l'epoca considerato che i fornitori esteri proponevano lo stesso articolo per circa 200 Lire.

Riferimenti Bibliografici:

  • Ribelli F., Scudellari A. ''Elettronica e Telecomunicazioni'' 2001 Torino
  • Fracarro ''La televisione per tutti'' 1931 Castelfranco Veneto
argomento categoria:Telecomunicazioni via radio lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio