Videocamera a batteria, Betamax, portatile - Sony Betamovie BMC-500P

Oggetti simili a Videocamera

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttoreSony
Periodo sec. XX
Anno1985
Numero inventario9695
CollocazioneDeposito
Altezza18 cm
Larghezza15 cm
Lunghezza37 cm
Peso2,5 kg
Materialimateriale plastico, metallo, vetro
Acquisizione Casé, Luciano

Descrizione

Videocamera portatile di forma squadrata, in materiale plastico nero, con impugnatura superiore per il trasporto. In asse con la maniglia si trovano, sul retro e sul fronte rispettivamente, il mirino ottico con oculare e il microfono. Il visore del mirino è posto sul lato sinistro e può ruotare attorno ad una asse verticale. Sul lato destro della videocamera si hanno il vano per l'inserimento della cassetta Betamax, alcuni comandi tra cui il tasto per registrare, quello di avvio e stop e il tasto per la regolazione dello zoom. Sullo stesso lato si trova un'impugnatura ergonomica con una cinghia. Sul lato sinistro si trovano un display digitale con i tasti per regolare data e ora e per valutare lo stato della batteria e il contagiri del nastro magnetico. Inoltre ci sono alcuni comandi tra cui il selettore per il bilanciamento del bianco, l'interruttore per la messa a fuoco, un tasto per la messa a fuoco automatica. Nella parte frontale, all'incirca sotto al microfono, si ha l'obiettivo (Sonoptor 1:1,4 f=12-72mm) con tappo in plastica, con anelli per la messa a fuoco manuale (da 1,3 a 10m) e per la regolazione dello zoom (da macro ovvero 12mm a 72mm). Sotto all'obiettivo si ha lo scomparto per la batteria. Sul retro della videocamera si trovano il tasto di espulsione cassetta e le boccole per collegare delle cuffie, un microfono, una batteria per auto da 12V, una presa "remote. Sotto alla videocamera si ha un foro filettato per l'inserimento di un cavalletto. La videocamera è contenuta in una valigetta rigida in plastica nera nella quale si trovano anche tre batterie Sony NP 11, un porta batteria da cintola, un auricolare e il manuale d'uso.

Funzione

Registrazione di immagini e filmati in formato televisivo a colori PAL (standard CCIR), su nastro magnetico in cassette Betamax.

Notizie storico-critiche

Il "Betamax" è uno standard di videoregistrazione introdotto sul mercato nel 1975 dalla Sony. Successore del formato "U-matic", ma con tecnica di scansione elicoidale azimutale e nastro magnetico da mezzo pollice. L'anno successivo venne introdotto sul mercato il formato VHS della JVC. Pur essendo di qualità molto inferiore al Betamax, ebbe maggiore successo e diffusione grazie sia a fattori quali la maggior durata di registrazione realizzabile che per motivi commerciali: la JVC concesse i diritti di sfruttamento a molte aziende, il prodotto si diffuse e divenne più economico rispetto al Betamax. Nel 1983 la Sony immise sul mercato la prima vidocamera amatoriale della serie Betamovie, la BMC-100P. Usava cassette Betamax e non poteva essere tenuta in mano ma veniva usata appoggiata sulla spalla. Nel 1985 la Sony decise di investire nel settore delle videocamere amatoriali con il formato "Video8": più compatto. Nel 1988 la Sony iniziò la produzione di prodotti VHS. Nel 2002 il formato Betamax è stato definitivamente abbandonato.

argomento categoria:Cinematografia lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio