Home computer con interfaccia a riga di comando, portatile - Commodore SX-64 Executive

Oggetti simili a Home computer

Categoria principale Informatica
CostruttoreCommodore Business Machines (CBM)
Periodo sec. XX
Anni1983 - 1986
Numero inventario9662
CollocazioneDeposito
Altezza17 cm
Larghezza40 cm
Lunghezza42 cm
Peso10,5 kg
Materialimateriale plastico, metallo, vetro
AcquisizioneFolgieri, Raffaella

Descrizione

Apparecchio portatile costituito da un guscio in plastica ABS marrone con maniglione per il trasporto che si può utilizzare per appoggiare il computer sul tavolo. Il coperchio apribile contiene la tastiera alfanumerica a 69 tasti (61 caratteri alfanumerici e 8 tasti funzione) su pannello nero e collegata al computer con apposito cavo. Il pannello della tastiera presenta un profilo azzurro Aperte le due chiusure poste nella parte alta e separato il coperchio/tastiera, è visibile la parete frontale del computer. A sinistra si trova il monitor integrato da 5,25" a colori, a destra un vano per l'alloggiamento di floppy disk o di cavi e il drive floppy interno 5¼" da 170kB (versione interna del 1541 della Commodore). Ancora più a destra, dietro ad uno sportello apribile, si hanno i comandi di reglazione del monitor: volume, contrasto, luminosità, colore, sincronismo verticale e un tasto per il reset. Sul retro della tastiera e sopra al computer sono presenti i connettori della tastiera (connettore 25-pin D-subminiature). Una fessura sul dorso, chiusa da un'aletta a molla, permette l'inserimento delle cartucce, in verticale; sempre sul dorso sono presenti le griglie attraverso le quali è diffuso l'audio dell'altoparlante interno sottostante. Sul retro si trovano due porte (control 1 e 2) per il comando giochi (paddle, joystick, penna ottica), due prese multipolo, una user port (programmabile di input/output), il connettore per l'alimentazione, un fusibile e l'interruttore di accensione. All'interno, sulla scheda madre, sono inseriti, tra i vari componenti, il microprocessore MOS Technology 6510, con 64 KByte di RAM e 20 KByte di ROM, il chip video 6567 VIC-II per 16 colori, il chip audio 6581 SID (Sound Interface Device) . All'interno si hanno inoltre la circuiteria del video e il modulatore, schermati per evitare interferenze, e l'alimentatore con trasformatore. Caratteristiche tecniche: Processore: CPU: MOS Technology 6510 Velocità CPU: 0,985 MHz (versione PAL) Altri coprocessori: VIC-II, SID FPU: none ROM: 20 kB RAM:64 kB Video: Risoluzione massima: Video: Risoluzione massima: 40x24 (colonne x righe) in modo testo, 160x200 in 4 colori Sistema operativo di serie: KERNAL (che sta per Keyboard Entry Read, Network, And Link) Altro software di serie: CBM BASIC 2.0

Funzione

Elaboratore portatile per applicazioni professionali. Il Sistema Operativo del Commodore SX-64 era costituito da tre componenti, separati ma interdipendenti. Il KERNAL, l'editor di schermo preposto alle funzioni di immissione del testo da parte dell'utente, l'interprete CBM BASIC 2.0 che consentiva all'utente di scrivere i programmi in BASIC e di interagire con il sistema operativo.

Notizie storico-critiche

Il Commodore 64 (C64) nasce come successore del Commodore VIC-20 che aveva troppo poca memoria e solo 22 caratteri disponibili. Venne annunciato all'International Winter Consumer Electronics Show del 1982 a Las Vegas durante il quale ne venne mostrato un prototipo. In Italia venne presentato allo SMAU del 1982. La Commodore commercializzò numerose varianti del C64. Nel gennaio 1983 venne presentato il Commodore SX-100, una versione portatile del C64 con monitor in bianco e nero e, nel maggio dello stesso anno, l'SX-64 (Commodore Executive 64), portatile ma con monitor a colori, venne immesso sul mercato. Nonostante il peso di 10,5kg, questo computer era considerato la versione portatile del C64. L'SX-64 era venduto al prezzo di 995$ nel 1983 (in Italia a Lire 2.300.000). Questo computer non ebbe successo, vendette infatti solo 100.000 esemplari, e venne prodotto solo fino al 1986. Innanzitutto era un prodotto troppo caro e con un pacchetto di software ridotto rispetto ai suoi concorrenti, come l'Osborne 1 e il Compaq Portable (nonostante questi avessero monitor in bianco e nero). Inoltre questo modello non aveva la porta per il lettore a cassette, rendendo impossibile l'uso di una stampante attraverso questa porta e l'uso di giochi registrati su cassette. Rimane comunque nella storia come il primo computer portatile a colori.

Riferimenti Bibliografici:

  • Williams M. R. ''Dall'abaco al calcolatore elettronico. L'emozionante avventura del computer'' 1999 Padova
  • C64 ''C64 / suono e grafica / traduzione e adattamento a cura di Giovanni Umberto Barzaghi'' c1984 Milano
  • Watt D. ''Il Logo per il Commodore 64'' 1986 Milano
  • Allan B. ''Commodore 64 / Boris Allan'' 1985 Milano
argomento categoria:Industria elettronica ed elettrotecnica lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio