Fonografo meccanico - Graphophone Type B

Oggetti simili a Fonografo

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
InventoreBell Alexander Graham, MacDonald Thomas Hood
CostruttoreAmerican Graphophone Company
Periodo secc. XIX/ XX
Anni1897 - 1900
Numero inventario5766
CollocazioneDeposito
Altezza13,5 cm
Larghezza31 cm
Lunghezza18 cm
Peso4,4 kg
Materialilegno, metallo
AcquisizioneJarach

Descrizione

Fonografo meccanico installato su una base di legno rettangolare, predisposta per la chiusura con un coperchio. Il fonografo è costituito da un telaietto in metallo che sostiene il mandrino su cui introdurre il cilindro di cera. Il funzionamento del mandrino avviene per mezzo di un motore a molla, azionato dalla chiave posta sul fianco sinistro dell'apparecchio. Il motore a molla mette in movimento anche la testina corrente lungo una guida parallela al mandrino; la testina mostra un'imboccatura per l'inserimento della tromba per l'amplificazione. Il fonografo è accessoriato con un cilindro di cera.

Funzione

Riproduzione di suoni incisi su cilindro di cera

Modalità d'uso

Sistemare il cilindro inciso sul mandrino. Posizionare la testina in corrispondenza del cominciamento dell'incisione. Caricare il motore a molla e avviare la riproduzione.

Notizie storico-critiche

Il grafofono rappresenta un particolare tipo di fonografo, inventato da Alexander Graham Bell in collaborazione con Sumner Tainter (1854-1940) e Chichester Bell (1848-1924). Questi tre inventori, tra il 1880 e il 1885, si concentrarono sul miglioramento del fonografo di Edison, realizzando un congegno di grande importanza per lo sviluppo successivo degli apparecchi di riproduzione del suono. Il principio di funzionamento del grafofono infatti è sostanzialemente del tutto simile al fonografo di Edison, ma si differenzia per l'impiego del mandrino rotante e del cilindro a base di cera per l'incisione, al posto del cilindro con superficie in stagnola, utilizzato da Edison. Il termine "grafofono" venne utilizzato per l'impossibilità di adoperare il marchio registrato "fonografo". La sostituzione della stagnola con la cera come supporto per l'incisione comportò un netto miglioramento della qualità del suono riprodotto, aprendo così la strada alla diffusione delle macchine parlanti per l'intrattenimento domestico. Il Graphophone Type B venne prodotto tra il 1897 e il 1900 e fu uno dei primi modelli economici di macchine parlanti; venne conosciuto infatti anche con l'appellativo "Eagle", a richiamo dell'aquila raffigurata sulla moneta da dieci dollari, sufficiente per l'acquisto dell'apparecchio.

Riferimenti Bibliografici:

  • Hemardinquer P. ''Le phonographe / et ses merveilleux progrès'' 1930 Parigi
  • Chew V.K. ''Talking machins 1877 -1914 / Some aspects of the early history of the gramophone'' 1967 London
  • Reiss E.L. ''The compleat talking machine / A collector's guide to antique phonographs'' 2007 Chandler
  • Fabrizio T. G./ Paul G. F. ''The talking machine / an illustrated compendium /1877-1929'' 2005 Atglen
argomento categoria:Tecniche del suono lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio