Calcolatrice meccanica - Archimedes Model C 16

Oggetti simili a Calcolatrice

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttoreReinhold P÷thig
Periodo sec. XX
Anno1913
Numero inventario8801
CollocazioneDeposito
Altezza12 cm
Larghezza39,5 cm
Lunghezza18 cm
Peso12 kg
Materialiacciaio, cartone, celluloide, ebanite, ghisa, gomma, ottone
Acquisizione Galeazzi, Lina

Descrizione

Calcolatrice meccanica con basamento in ghisa, avente una superficie zigrinata di colore antracite, e fondo in cartone. Il piano superiore, inclinato e verniciato di nero, ospita i comandi operativi della macchina. L'impostazione della cifra da operare avviene mediante dieci cursori, correnti in altrettante fessure verticali, ciascuna affiancata da una numerazione da 1 a 9; i valori selezionati vengono visualizzati nelle dieci finestrelle poste in capo ad ogni colonna. Sul lato destro del piano Ŕ posizionata la manovella, con impugnatura in ebanite, per la totalizzazione delle cifre e dei risultati. Sul lato sinistro del piano sono situate due levette per l'impostazione del tipo di operazione che si intende eseguire. La parte superiore del piano Ŕ occupata da un carrello mobile, sollevabile e spostabile attraverso la manopole in ebanite posta nella parte sinistra. Il carrello ospita il totalizzatore, costituito da sedici finestrelle affiancate ed un altro contatore composto da nove finestrelle. All'estremitÓ destra del contatore e del totalizzatore sono poste due leve con impugnatura in celluloide.

Funzione

Esecuzione di calcoli e operazioni matematiche

ModalitÓ d'uso

Impostare la cifra utilizzando i cursori e caricarla sul totalizzatore mediante la manovella. Posizionare le apposite leve in base all'operazione che si intende eseguire. Utilizzare la manovella per il computo delle operazioni sul totalizzatore. Per effettuare le moltiplicazioni e le divisioni occorre spostare di posizione il carrello del totalizzatore in base all'ordine decimale che si sta operando.

Notizie storico-critiche

Nell'evoluzione del calcolo automatizzato, il passaggio dalle addizionatrici alle le calcolatrici Ŕ caratterizzato dalla presenza di un organo meccanico, detto traspositore, che consente l'automazione della moltiplicazione attraverso la memorizzazione del fattore sul numeratore. La prima macchina di questo tipo viene realizzata dal filosofo e matematico tedesco Gottfried Leibniz, il quale, tra il 1671 e il 1694, si Ŕ dedicato allo sviluppo della macchina aritmetica di Blaise Pascal del 1642. La fondamentale innovazione introdotta da Leibniz consiste nell'utilizzo di un pignone con denti di diversa lunghezza, grazie al quale ha reso possibile la ripetizione automatica dell'addizione, ottenendo la moltiplicazione senza la necessitÓ della continua reimpostazione dei numeri. Un notevole perfezionamento della calcolatrice di Leibniz Ŕ avvenuto per merito di Charles-Xavier Thomas che nel 1820 ha brevettato l'Arithmometre; in questa macchina il totalizzatore Ŕ posto su un carrello spostabile in base agli ordini di unitÓ dei numeri da operare, caratteristica che permette di accorciare enormemente i tempi operativi. La calcolatrice di Thomas Ŕ servita come prototipo per ulteriori sviluppi di macchine da essa derivate, tra le quali si pu˛ inserire la calcolatrice Archimedes. La produzione del'Archimedes Ŕ stata avviata nel 1906 con il modello A; diversi modelli si sono succeduti nel tempo. Il modello C Ŕ stato introdotto nel 1913; l'esemplare posseduto dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" rappresenta la seconda versione del modello C con la disposizione del meccanismo di impostazione dei numeri collocato al di sopra delle fessure sui cui si muovono i cursori.

Riferimenti Bibliografici:

  • Dal Quipu ''Dal Quipu al Chip / mostra storica del calcolo'' 1988 Milano
  • Soresini F. ''Storia del calcolo automatico'' 1977 Roma
  • Martin E. ''The calculating machines / their history and development'' 1992 Cambridge
argomento categoria:Calcolo lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio