Addizionatrice meccanica - Comptometer Mod. J

Oggetti simili a Addizionatrice

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
InventoreFelt Dorr E.
CostruttoreFelt e Tarrant Manufacturing Company
Periodo sec. XX
Anno1931
Numero inventario10978
CollocazioneDeposito
Altezza14,5 cm
Larghezza27 cm
Lunghezza37,5 cm
Peso-
Materialicelluloide, ebanite, metallo

Descrizione

Macchina costituita da una scatola in metallo, verniciata di marrone, sul cui lato superiore si trova la tastiera estesa. La tastiera prevede novanta tasti in celluloide verde e bianca, disposti su dieci colonne numerate da 1 a 9; sul bottone di ogni tasto Ŕ riportato, insieme al valore del tasto, anche il suo numero complementare. Il totalizzatore Ŕ composto da dieci finestrelle circolari poste alla base di ogni colonna. Sul fianco destro della macchina Ŕ posizionata la leva per l'azzeramento del totalizzatore. All'interno della scatola risiede il meccanismo di funzionamento della macchina: i tasti di una colonna agiscono su punti diversi di una medesima leva munita anterioremente di un settore dentato che, in base al diverso abbassamento dovuto alla pressione sul tasto, comporta il movimento della ruota del numeratore alla posizione del numero digitato.

Funzione

Esecuzione di calcoli aritmetici

ModalitÓ d'uso

Premendo su un tasto, il valore della cifra viene immediatamente visualizzato sul totalizzatore. Digitando un altro valore, quest'ultimo viene immediatamente sommato e il risultato visualizzato nel totalizzatore; per le sottrazioni si utilizzando i valori complementari presenti sui bottoni dei tasti.

Notizie storico-critiche

Nell'evoluzione del calcolo automatizzato, le addizionatrici sono macchine dal funzionamento semplificato rispetto alle calcolatrici, in quanto prevedono l'esecuzione soltanto di addizioni e di sottrazioni. La prima addizionatrice realizzata fu la Pascalina, ideata dal pensatore francese Blaise Pascal nel 1642, la quale servý da ispirazione per altre macchine realizzate successivamente in base allo stesso principio. Una grande semplificazione dell'utilizzo e miglioramento delle presetazioni avvenne con l'introduzione della tastiera al posto di quadranti e manovelle. Sebbene l'idea non fosse nuova, il Comptometer, brevettato da Dorr E. Felt nel 1887, Ŕ considerato il primo modello di addizionatrice provvista di tastiera prodotto per il mercato. Grazie all'introduzione della tastiera, Felt riuscý a migliorare notevolmente la praticita e la velocitÓ di utilizzo dato che premendo un tasto della tastiera, il valore corrispondente veniva immediatamente visualizzato sul totalizzatore, senza necessitÓ di ulteriori operazioni. Questa caratteristiche consentirono al Comptomter di continuare ad essere prodotto senza sostanziali cambiamenti fino agli anni '70 del 1900, quando vennero superati dalla tecnologia elettronica. Il modello J venne introdotto nel 1926; la datazione dell'esemplare posseduto dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" Ŕ stata definita in base al numero di matricola.

Riferimenti Bibliografici:

  • Dal Quipu ''Dal Quipu al Chip / mostra storica del calcolo'' 1988 Milano
  • Soresini F. ''Storia del calcolo automatico'' 1977 Roma
argomento categoria:Calcolo lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio