Motore aeronautico - Isotta Fraschini Asso 750

Oggetti simili a Motore

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
InventoreCattaneo Giustino
CostruttoreIsotta Fraschini
Periodo sec. XX
Anno1929
Numero inventario2421
Collocazionelivello +1, sezione aeronautica, area motori
Altezza106 cm
Larghezza106 cm
Lunghezza219,6 cm
Peso675 kg
Materialimetallo
Acquisizione Isotta Fraschini

Descrizione

Motore a 18 cilindri disposti a W su tre file di 40° di ampiezza, raffreddato ad acqua. I cilindri sono in acciaio con una testata monoblocco in alluminio per ogni fila di cilindri; la testata prevede il passaggio della camicia dell'acqua sul cielo dei cilindri, in corrispondenza della sede delle valvole. La distribuzione è basata su quattro valvole per cilindro, comandate da un albero a camme in testa. Il motore dispone di sei carburatori aspirati Isotta-Stromberg, tre per lato. Due magneti, posti nella parte posteriore del motore, alimentano due candele d'accensione per ogni cilindro; i cavi elettrici sono sistemati nella parte interna della W dei cilindri.

Notizie storico-critiche

Al termine della Prima Guerra mondiale l'esigenza di motori con potenze sempre maggiori si fece pressante. Vista l'impossibilità tecnica, per il periodo, di sviluppare ulteriormente i motori rotativi e i motori a 6 cilindri in linea e constatati i problemi di affidabilità dei motori a 8 cilindri in linea, l'aumento della potenza fu risolto con l'aumento del numero dei cilindri disposti a V. Questa soluzione permise un deciso aumento della potenza, grazie ad una diminuzione del peso specifico: dato che nei motori in linea la maggior parte del peso era costituita dal basamento e dall'albero a gomiti, raddoppiando il numero il dei cilindri collegati allo stesso albero e alllo stesso basamento era possibile fornire potenze superiori ai 500 cavalli. Nel corso degli anni '20 si proseguì su questa strada realizzando motori con cilindri disposti a W. A partire dalla fine degli anni '30 questa tipologia di motori venne progressivamente abbandonata per l'eccessiva resistenza frontale. Il motore Asso 750 della Isotta Fraschini, derivato dal precedente Asso 500, fu prodotto dal 1927 al 1934 in sei differenti versioni. Un motore Asso 750R era montato sull'aereo Savoia-Marchetti S.55.X con cui Italo Balbo compì la trasvolata atlantica del 1933. Altri velivoli che montarono questo motore furono i Savoia-Marchetti S.62 e S.78 e il prototipo Macchi M.C.77.

Riferimenti Bibliografici:

  • Filippi F. ''Dall'elica al getto / Breve storia dei propulsori aeronautici'' 1983 Torino
  • Ludovico D. ''L'aeroplano cosa è / Soluzione ed evoluzione del problema del volo'' 1951 Roma
argomento categoria:Industria aeronautica lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio