Locomotiva elettrica - Gr. E 330-008 FS

Oggetti simili a Locomotiva

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttoreBreda, SocietÓ Italiana Westinghouse
Periodo sec. XX
Anno1914
Numero inventarioD323
Collocazionepiano terra
Lunghezza11110 mm
Peso74 t
Materialimetallo
Acquisizione Ferrovie dello Stato

Descrizione

Locomotore poggiante su un rodiggio 1'C1' a scartamento universale, costituito da tre sale accoppiate per mezzo di bielle e due sale portanti posteriore e anteriore; gli assi portanti anteriore e posteriore formano insieme alla ruota motrice pi¨ vicina due carrelli di tipo italiano, in modo da garantire la bidirezionalitÓ alla macchina. Il locomotore Ŕ azionato da due motori asincroni trifasi fissati al telaio della macchina; la trasmissione del moto all'asse centrale adotta una biella a V, dotata di numerosi fori di alleggerimento. La cassa della locomotiva Ŕ costituita da un volume unico con due avancorpi situati alle estremitÓ; le cabine laterali hanno profilo poliedrico, con pareti finestrate, mentre il corpo centrale rialzato ospita all'interno i motori elettrici, i combinatori, il reostato e gli altri componenti elettrici oltre alla caldaia a nafta per il riscaldamento dei vagoni. Al di sopra del corpo centrale della cassa sono posizionati due trolley a stanghe, con tiranti in alluminio.

Notizie storico-critiche

Il Governo italiano inizi˛ ad interessarsi all'elettrificazione ferroviaria con l'istituzione, nel 1897, di una commissione per lo studio della possibilitÓ di una trazione elettrica; le ragioni di questa precoce attenzione risiedevano in motivi eminentemente economici: dipendendo esclusivamente dalle importazioni dall'estero per l'approvigionamento del carbone da utilizzare per far muovere la locomotive a vapore, l'Italia fu all'avanguardia nella ricerca di fonti energetiche alternative per la trazione ferroviaria. Dopo il successo delle locomotive E.550, le Ferrovie dello Stato decisero l'estensione del programma di elettrificazione delle linee non soltanto in aree montane. In questo modo nacque la necessitÓ di costruire locomotive elettriche in grado di raggiungere velocitÓ operative di almeno 100 km/h e non pi¨ limitate a due velocitÓ di marcia. Il problema venne risolto con l'adozione sui locomotori E.330 di motori elettrici, derivati da un brevetto dell'ingegnere ungherese Milch, il cui progetto consentiva di raggruppare diversamente gli avvolgimenti in modo da realizzare campi rotanti ad 8 e a 6 poli; grazie a questa soluzione fu possibile garantire quattro velocitÓ (37,5, 50, 75 e 100 km/h), con reostato a liquido che consentiva l'avviamento e la transazione da una velocitÓ all'altra. Le locomotive del Gr. E.330 originaramente prevedevano due terrazzini posti alle estremitÓ della macchina per l'accesso alle cabine di comando, che vennero eliminati dopo il 1930 con l'aggiunta di due avancorpi necessari per ospitare i due elettrocompressori e il cassone dell'acqua di raffreddamento del reostato e la batterie; queste componenti, in precedenza, erano collocate all'interno della cassa, ma vennero spostate per fare spazio alla caldaia a nafta destinata a produrre il vapore necessario per il riscaldamento dei treni. Questo modello di locomotiva venne prodotto nel 1914 in 16 esemplari, numerati da 001 a 016; le unitÓ con numeri da 001 a 008 vennero costruite dalla SocietÓ Italiana Westinghouse di Vado Ligure per quanto riguarda la parte elettrica, mentre la parte meccanica venne realizzata dalla Breda; le altre macchine invece vennero interamente costruite dalla Westinghouse. Queste locomotori inizialmente vennero divisi tra la linea Monza-Lecco, Genova-Savona e successivamente Genova-Livorno. Dopo la conversione del sistema da corrente trifase a corrente continua, le macchine furono destinate ai depositi di Torino e Alessandria tra il 1947 e il 1953. Il Gr. 330 venne accantonato e demolito nel 1963, ad eccezione dell'esemplare conservato presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci".

Riferimenti Bibliografici:

  • Pocaterra R. ''Treni / Conoscere e riconoscere tutte le locomotive e i treni che hanno fatto la storia delle ferrovie del mondo'' 2006 Novara
  • De Cet M./ Kent A. ''Enciclopedia delle locomotive'' 2007 Milano
  • Cornol˛ G./ Pedrazzini C. ''Locomotive elettriche FS'' 1983 Bologna
argomento categoria:Industria ferroviaria lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio