Locomotiva a vapore - Gr. 552-036 FS

Oggetti simili a Locomotiva

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
CostruttoreBreda
Periodo sec. XX
Anno1900
Numero inventarioD309
Collocazionepiano terra
Lunghezza16113 mm
Peso48,3 t
Materialimetallo
Acquisizione Ferrovie dello Stato

Descrizione

Locomotiva a vapore poggiante su un rodiggio 220, composto da due assi portanti anteriori e due sale motrici accoppiate. Al di sopra della caldaia, dotata di un sistema a vapore saturo ad espansione semplice, sono posizionati i due distinti rilievi della sabbiera, a pianta rettangolare, e del duomo, a pianta circolare, mentre nella parte anteriore si trova un fumaiolo semplice, situato in corrispondenza della camera a fumo. La locomotiva dispone di due cilindri esterni, alimentati per mezzo di distributori a cassetto equilibrato secondo il sistema di distribuzione Stephenson. L'impianto frenante Ŕ costituito da un freno ad aria compressa automatico. La locomotiva Ŕ completa di tender a tre assi per il trasporto delle scorte di acqua e carbone. La macchina presenta una verniciatura di colore nero lucido, ad eccezione dei raggi delle ruote, della trave dei respingenti, delle fiancate del telaio e dell'incavo delle bielle verniciati di rosso e dei cerchi delle ruote di colore bianco.

Funzione

Le Gr 552 sono locomotiva per treni veloci a 2 assi motori. I nomi delle locomotive a vapore sono composti dalla sigla Gr seguita da un numero a sei cifre con un significato preciso. Il primo numero indica il gruppo, che individua motrici con specifiche tecniche e usi simili. Il secondo numero indica il modello, ovvero una serie di macchine che presentano lo stesso telaio e gli stessi impianti. Il terzo numero indica una variazione di alcune caratteristiche tecniche del modello originale. Il successivo insieme di tre numeri indica il progressivo di macchina nell'ambito del modello. Ad esempio la 552 036 Ŕ la trentaseiesima macchina di tipo 52 nel gruppo 5. Principali gruppi di classificazione 4 Locomotive per linee di montagna a 4 o 5 assi motori. 5 Locomotive per treni veloci a 2 assi motori. 6 Locomotive per treni veloci a 3 assi motori. 7 Locomotive per treni merci a 4 assi motori. 8 Locomotive da manovra a 3 assi motori. 9 Locotender di linea.

Notizie storico-critiche

Dal 1890 fino al 1914 le Gr552 trainarono il convoglio postale settimanale Londra-Bombay lungo il tratto italiano Milano-Brindisi. Traghettato sulla Manica, il treno attraversava la Francia ed entrava in Italia attraverso il tunnel del Frejus. A Brindisi si imbarcava sul piroscafo inglese, passava per il canale di Suez e proseguiva fino all'India, da cui il soprannome di 'Valigia delle Indie '. Il treno era composto da un bagagliaio per la posta, due carrozze letto e una vettura ristorante. Raggiungeva una velocitÓ di 100 Km/h, per l'epoca considerevole. Le Ferrovie dello Stato eredit˛ le locomotive del Gruppo 552 dalla preesistente Rete Adriatica. Queste macchine rappresentano il massimo sviluppo delle locomotive a due assi accoppiati, superate soltanto dall'introduzione di motrici a tre assi accoppiati. Durante il periodo di massimo utilizzo, le locomotive Gr. 552 venivano considerate macchine di grande pregio, destinate a rimorchiare treni importanti su prestigiose linee internazionali. Una volta sostituite da macchine con prestazioni superiori, le locomotive Gr. 552 vennero destinate al servizio su linee di pianura, in particolare in Veneto. Costruite in 36 esemplari, alcune di queste locomotive rimasero in servizio fino ai primi anni del secondo dopoguerra.

Riferimenti Bibliografici:

  • Cornol˛ G. ''Locomotive a vapore FS'' 1998 Bologna
  • Album dei ''Album dei tipi delle locomotive ed automotrici'' 1979 Roma
argomento categoria:Industria ferroviaria lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio