Siluro a lenta corsa -

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
InventoreTesei, Teseo
Periodo sec. XX
Anno1936
Numero inventario5838
Collocazionepiano terra
Altezza110 cm
Larghezza68 cm
Lunghezza685 cm
Diametro80 cm
Peso-
Materialilegno, metallo
AcquisizioneOfficina Gadda

Descrizione

Siluro a lenta corsa, costituito da un corpo di forma cilindrica, interamente in metallo, azionato da un motore elettrico. Il siluro presenta due posti per l'equipaggio, costituiti da due seggiolini in legno disposti in tandem sul lato superiore del siluro. Il sedile anteriore Ŕ riparato da uno scudo frangionde semicircolare, all'interno del quale si trova il volante di guida, mentre quello posteriore Ŕ situato alle spalle della cassa rapida di immersione, sul cui fianco destro Ŕ posizionata la leva per il comando di immersione; in corrispondenza dei sedili due poggiagambe sono incernierati sui fianchi del siluro. La cassa ospita nella propria base due bombole per le riserve d'aria, mentre altri due serbatoi d'ossigeno d'emergenza sono sorretti da un'intelaiatura installata a poppavia del secondo seggiolino. A prua Ŕ montata la testata distaccabile contenente la carica esplosiva, dotata sul lato superiore di un anello utilizzato per il fissaggio al bersaglio; la testata Ŕ svitabile mediante la leva anteriore. Il siluro Ŕ propulso da un'elica singola a poppa, dove si trovano anche le pale dei timoni verticale e orizzontale, azionati per mezzo di fili d'acciaio.

Notizie storico-critiche

Il siluro a lenta corsa (SLC) fu tra i pi¨ celebri mezzi d'assalto impiegati dalla Regia Marina Italiana durante la Seconda Guerra mondiale, conosciuto anche con il nome di "maiale". GiÓ durante le ultime fasi della Prima Guerra mondiale la Marina Militare aveva predisposto un siluro guidato da due operatori per l'attacco di navi nemiche, chiamato "mignatta", la cui idea venne ripresa e sviluppata a partire dal 1927 dall'ufficiale del Genio civile Teseo Tesei. Rispetto ai precedenti, i nuovi siluri a lenta corsa prevedevano diverse innovazioni: i maiali erano equipaggianti con silenziosi motori elettrici, mossi da batterie di accumulatori e in grado di consentire la marcia indietro. Erano previsti inoltre dispositivi caratteristici dei sommergibili come i timoni di profonditÓ, le casse di allagamento con bombole ad aria compressa per il loro svuotamento; in questo modo i siluri potevano navigare in immersione completa fino a trenta metri di profonditÓ. L'equipaggio era fornito di autorespiratori autonomi ad ossigeno a circuito chiuso e non aria compressa al fine di non produrre bolle d'aria sulle superficie dell'acqua e di evitare possibilitÓ di embolie. L'impiego in azioni militari di questi siluri, prodotii in serie dal 1935, avveniva di notte e consisteva nell'avvicinamento dei due sommozzatori a bordo, viaggiando a filo d'acqua e immergendosi in prossimitÓ del bersaglio; raggiunto l'obiettivo, la testata esplosiva ad orologeria veniva staccata dal siluro e appesa sotto la chiglia ad un cavo fissato alle alette di rollio della nave nemica. I sommozzatori poi si allontanavano a bordo del siluro, per tornare al sommergibile di appoggio da cui era partita l'azione. I maiali in questo modo raggiunsero diversi successi, affondando o danneggiando una trentina di navi nei porti del Mediterraneo; l'operazione pi¨ importante cui presero parte fu l'affondamento nel 1941 di tre navi inglesi, tra cui due corrazzate per 70.000 tonnellate complessive, nel porto di Alessandria d'Egitto.

Riferimenti Bibliografici:

  • De la Sierra L. ''Gli assaltatori del mare / Barchini esplosivi, "maiali", sommergibili "tascabili"'' 2002 Milano
  • Giorgerini G. ''Attacco dal mare / Storia dei mezzi d'assalto della Marina italiana'' 2007 Milano
argomento categoria:Industria navale lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio