Ancora tipo Trotman -

Oggetti simili a Ancora

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
Ambito culturaleproduzione inglese
Periodoseconda metà sec. XIX
Anni1850 - 1899
Numero inventario7461
CollocazioneDeposito
Altezza175 cm
Larghezza100 cm
Lunghezza35 cm
Peso-
Materialiferro
Acquisizione Dipartimento Marittimo La Spezia

Descrizione

Ancora di tipo Trotman in ferro fucinato, con ceppo mobile. L'ancora presenta un fuso a sezione quadrata, terminante nell'estremità inferiore con una forcella alla quale sono imperniate le marre mediante due fori praticati sui due rami della forcella; nella testa del fuso, inoltre, è imperniato un maniglione per il collegamento alla catena di ormeggio. Al vertice inferiore della testa dell'ancora è situato un anello di sospensione per le manovre di sistemazione dell'ancora a bordo. Sulla testa del fuso si trova un foro per l'inserimento del ceppo, mancante.

Notizie storico-critiche

L'ancora è l'organo utilizzato per dare un solido attracco agli ormeggi di un galleggiante, che sia una barca o una nave, e la cui grandezza è direttamente proporzionale alle dimensioni del galleggiante stesso. Generalmente dotata di due bracci chiamati marre, l'ancora viene trascinata in modo da far presa sul fondo e tenere così ferma la nave contro l'azione del vento e delle correnti. La tipologia di ancore Trotman, oggi non più utilizzate, deriva dalle ancore di tipo Ammiragliato e segna l'avvio del processo di trasformazione che ha portato all'abbandono dei modelli a marre fisse; l'articolazione di questo tipo di ancore, infatti, permetteva alle marre di descrivere, durante la presa, un angolo massimo di 59°, grazie al quale la marra superiore si appoggiava al fuso. Questa caratteristica era stata introdotta per impedire che la marra superiore potesse causare danni alla carena della nave in acque poco profonde oppure che ammarrasse, ovvero che vi rimanesse impigliata la catena. L'ancora Trotman tuttavia non riscosse un grande successo a causa della debolezza dell'articolazione che doveva sopportare lo sforzo massimo di trazione.

Riferimenti Bibliografici:

  • Avilia F. ''La storia delle ancore'' 2007 Formello
  • Malfatti V. ''Ancore e catene'' 1899 Roma
  • Imperato F./ Imperato E. ''Arte navale'' 1961 Milano
  • Mannella G. ''Elementi di tecnica navale'' 1976 Milano
argomento categoria:Industria navale lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio