Ancora -

Oggetti simili a Ancora

Categoria principale Industria Manifattura e Artigianato
Ambito culturaleproduzione italiana
Periodo sec. XX
Anni1960 - 1966
Numero inventario7037
CollocazioneDeposito
Altezza216 cm
Larghezza113 cm
Lunghezza92 cm
Peso-
Materialiferro, legno, piombo
AcquisizioneMalfitano

Descrizione

Ancora in legno con ceppo fisso in piombo. Il fuso presenta una sezione rettangolare e reca, in testa, una feritoia nel quale Ŕ inserito il ceppo in piombo, assicurato da legature in corda; la legatura forma anche la cicala per il collegamento alla cima di ormeggio. Le marre, anch'esse in legno, sono disposte a V su un piano normale al ceppo e fissate al fuso mediante biette e caviglie; una contromarra in piombo rinforza l'unione delle marre al fuso e ne impedisce l'apertura durante la trazione. Le estremitÓ delle marre sono rinforzate da unghie in ferro. Una scanalatura a livello del diamante serviva per dare volta alla grippia.

Notizie storico-critiche

L'ancora Ŕ l'organo utilizzato per dare un solido attracco agli ormeggi di un galleggiante, che sia una barca o una nave, e la cui grandezza Ŕ direttamente proporzionale alle dimensioni del galleggiante stesso. Generalmente dotata di due bracci chiamati marre, l'ancora viene trascinata in modo da far presa sul fondo e tenere cosý ferma la nave contro l'azione del vento e delle correnti. Alcune testimonianze storiche fanno risalire l'introduzione dell'ancora al VII secolo a.C. Fin dal loro apparire, le ancore presentano una fisionomia ben definita che non ha subito sostanziali modificazioni fino all'ideazione delle ancore a marre articolate nei primi decenni del 1800. L'evoluzione delle ancore ha interessato in particolar modo i materiali di costruzione, con l'introduzione di nuovi materiali ogni volta che la tecnica li rendeva disponibili. Dalla costruzione di ancore in legno con semplici ceppi in pietra, si pass˛ attorno al IV secolo a.C. all'utilizzo di ceppi realizzati in piombo, metallo duttile, di facile lavorazione, riutilizzabile e resistente alla corrosione. Le ancore di questo tipo erano provviste anche di un collare in piombo, la contromarra, che aveva la funzione di impedire l'apertura delle marre durante lo sforzo di trazione e appesantire la parte inferiore dell'ancora in modo da favorire la presa sul fondale; la contromarra presentava tre aperture, di cui quella centrale a sezione rettangolare nella quale passava il fuso, mentre nelle due laterali, a sezione trapezoidale, costituiva l'alloggiamento delle marre.

Riferimenti Bibliografici:

  • Avilia F. ''La storia delle ancore'' 2007 Formello
  • Ucelli G. ''Le navi di Nemi'' 1996 Roma
argomento categoria:Industria navale lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio