Console di comando per sistema Olivetti ELEA 9003 - Olivetti ELEA 9003

Oggetti simili a Console

Categoria principale Informatica
InventorePerotto Pier Giorgio, Sottsass Ettore Jr.
CostruttoreOlivetti
Periodo sec. XX
Anno1958
Numero inventarioD1230
CollocazioneDeposito
Altezza155 cm
Larghezza125 cm
ProfonditÓ100 cm
Peso-
Materialialluminio, plastica, rame, vetro

Descrizione

La console, o tavolo di comando come veniva chiamata, Ŕ costituita da una tastiera alfanumerica posta su una mensola sporgente e un pannello verticale; sulla console si notano numerosi pulsanti e spie di forma circolare e retroilluminati.

Notizie storico-critiche

A partire dal 1956 il Laboratorio Ricerche Elettroniche della Olivetti inizi˛ la progettazione di un calcolatore di grandi dimensioni (mainframe) denominato ELEA9000, essendo ELEA l'acronimo di ELaboratore Elettronico Aritmetico (poi Automatico). Per il suo sviluppo venne costituito un gruppo di lavoro composto da giovani ricercatori entusiasti ed affiatati responsabile del quale fu Mario Tchou, un ingegnere italiano di origini cinesi. Fondamentale fu l'attenzione posta dalla Olivetti al design della macchina che doveva essere ergonomica, elegante, funzionale e semplice da utilizzare; Di questo aspetto della progettazione venne incaricato Ettore Sottsass che oper˛ in modo da strutturare le varie parti secondo una logica modulare; vennero ad esempio eliminati gli enormi armadi pieni di componentistica tipici dei "vecchi" elaboratori mentre anche il complesso passaggio delle centinaia di cavi necessari al funzionamento venne rqzionalizzato con canaline e tubi di nuova concezione.Presentato nel 1957 alla Fiera Campionaria di Milano il progetto consentý a Sottsass di vincere il prestigioso Compasso d'Oro. dell'ELEA vennero sviluppate quattro generazioni denominate 9001, 9002, 9003 e 9004. Le prime due versioni utilizzavano ancora come componentistica attiva le valvole termoioniche (cosa che le inseriva nella tradizione ingegneristica dell'epoca) ma, a partire dall'ELEA9003, vennero introdotti in modo esclusivo i transistor - i dispositivi a semiconduttore che erano da poco stati inventati - che fecero di questo elaboratore la prima macchina commerciale (non prototipale) completamente transistorizzata realizzata al mondo, Dotata di funzione multitasking, era in grado di eseguire tre programmi contemporaneamente.ELEA9003 Ŕ dotato di una memoria a nuclei di ferrite, con memorie di massa a nastro magnetico. Il supporto a nastro magnetico pu˛ anche essere utilizzato per l'input dei dati previa una conversione fuori linea da schede perforate o da nastro perforato. La progettazione dell'ELEA9003 (denominato anche Macchina 1T) partý nel 1957 mentre la produzione fu avviata nel 1959; realizzato in alcune decine di unitÓ (circa 40) fu installato presso importanti aziende in Italia prime delle quali la Marzotto di Valdagno (VI) e il Monte dei Paschi di Siena. Questo ultimo esemplare Ŕ successivamente stato donato all'ITIS "Enrico Fermi" di Bibbiena (AR) dove Ŕ ancora oggi, straordinariamente, in funzione e utilizzato per scopi didattici. Oggi non ne restano che pochissimi esemplari al mondo, quello in possesso del Museo Ŕ composto dalla sola consolle di controllo. Al progetto ELEA9000 fecero seguito i progetti ELEA6000 ed ELEA4000, macchina questa dal grande successo commerciale.

Riferimenti Bibliografici:

  • I.B.M. Italia ''Tre secoli di elaborazione dei dati'' 1975 Milano
  • I.B.M. Italia ''Tre secoli di elaborazione dei dati'' 1980 Milano
  • I.B.M. Italia ''Il calcolo automatico nella storia / Guida ai visitatori della mostra dedicata al "Calcolo automatico nella storia" ed organizzata dalla IBM ITALIA al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano'' 1959 Milano
argomento categoria:Hardware informatico lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio