Striscia perforata per telaio Jacquard, con codice di esecuzione dei comandi -

Categoria principale Informatica
InventoreJacquard Joseph Marie
Periodo sec. XIX
Anno1804
Numero inventarioD1196
CollocazioneDeposito
Lunghezza41,5 cm
Profondità6 cm
Peso-
Materialimetallo
Acquisizione I.B.M. Italia

Descrizione

striscia in metallo costituita da due serie di 26 colonne ciascuna (23 presentano fori e 3 no) e 8 righe ( 6 delle quali presentano fori e 2 no). Tra le due serie e simmetricamente ai due lati(3x2 in tutto) una coppia di fori che serve a fissare la scheda sul perfotatore (vedi scheda NCTN0302039764).

Notizie storico-critiche

Joseph Jacquard può essere considerato il fondatore dell’automazione dei processi industriali. Egli, infatti, ha costruito la prima macchina (un telaio meccanico) il cui funzionamento dipendeva da un programma codificato su una scheda perforata: per modificare il lavoro prodotto dalla macchina, era sufficiente cambiare la scheda. Jacquard era figlio di un tessitore di seta nato a Lione, in Francia, nel 1752. Interessato a problemi di natura meccanica, nel 1790, mentre stava riparando un vecchio telaio, gli venne l’idea di cercare di rendere automatico il lavoro del tessitore. Dopo aver partecipato ad alcune vicende belliche della rivoluzione francese, nel 1801 costruì il primo esemplare di telaio meccanico il cui disegno era governato da una scheda perforata; ad ogni passaggio della spoletta i fili dell’ordito erano controllati dai fori presenti sulla scheda: fori diversi comportavano orditi diversi. Il telaio meccanico venne poi migliorato fino a diventare un prodotto industriale. Nonostante le molte resistenze alla diffusione di questa macchina (ci furono molti tentativi di distruzione da parte dei tessitori che avevano intuito la fine del loro lavoro manuale), già nel 1812 si contavano in Francia più di 10.000 telai meccanici installati; in Gran Bretagna ben presto si raggiunse la cifra di 100.000 telai installati dando origine alla così detta rivoluzione industriale. L’idea della scheda perforata è anche all’origine dell’era informatica. Infatti, Babbage (1791 / 1871), con i suoi progetti di macchina alle differenze e di macchina analitica, ha tentato di applicare l’idea della scheda perforata per programmare le operazione da far eseguire ad una macchina calcolatrice.

Riferimenti Bibliografici:

  • I.B.M. Italia ''Tre secoli di elaborazione dei dati'' 1975 Milano
  • I.B.M. Italia ''Tre secoli di elaborazione dei dati'' 1980 Milano
  • I.B.M. Italia ''Il calcolo automatico nella storia / Guida ai visitatori della mostra dedicata al "Calcolo automatico nella storia" ed organizzata dalla IBM ITALIA al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano'' 1959 Milano
argomento categoria:Industria tessile e fibre lunghezza:1

Immagini

Immagine oggetto


I contenuti di questa pagina sono disponibili secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) 4.0 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.
Contenuti sviluppati con il contributo di Regione Lombardia e inseriti nel catalogo regionale Lombardia Beni Culturali.

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio