LA GALLERIA
LEONARDO DA VINCI

Nel 1949 il Comitato per le celebrazioni dei cinquecento anni dalla nascita di Leonardo da Vinci presenta, all’allora sindaco di Milano Antonio Greppi, il progetto di una mostra leonardesca con cui inaugurare il Museo e replicare il successo della mostra del 1939. Si tratta di una lettura tecnico-scientifica volta a indagare la sopravvivenza dell’eredità medioevale nell’attività di Leonardo.

Il 15 febbraio 1953, in occasione dell’inaugurazione del Museo, i modelli delle macchine vinciane sono esposti per la prima volta. In seguito, sono ufficialmente donati al Museo per far parte della collezione permanente. Per questo Alberto Mario Soldatini progetta l’allestimento della Galleria Leonardo, cuore pulsante del Museo, inaugurata nel 1956. Venivano esposti, oltre ai modelli delle macchine militari, anche molti modelli di macchine da lavoro e il grande plastico urbanistico della città ideale.

Dopo un rinnovamento dei basamenti e del corredo di testi e didascalie realizzato nel 2009, la Galleria non ha subito ad oggi modifiche sostanziali. Nel 2019, il Museo con un importante progetto di riallestimento vuole mettere in rapporto Leonardo con il contesto, l’opera dei suoi contemporanei e le fonti antiche, per trasformare i modelli negli strumenti narrativi di queste storie.