Acciarino automatico a pietra focaia

Acciarino automatico a pietra focaia

Inventario n.13
Alberto Mario Soldatini e Vittorio Somenzi, 1956

"Necessità stabilisce in questo caso 3 molli, delle quali la prima attende alla revoluzione della rota, la seconda allo spignere contro essa rota, la terza a chiavare detta rota, eccetera."

L’acciarino è uno strumento a pietra focaia usato per accendere a ripetizione un’arma da fuoco. Il dispositivo è costituito da una molla elicoidale collegata, tramite una catena snodabile a tre maglie, a una ruota superiore alloggiata in un anello e sostenuta al centro di un ponte a quattro bracci avvitati all’anello stesso. La ruota strofina contro una pietra focaia sulla sinistra. Sulla destra c’è il grilletto. Con un giro di ruota, la catena articolata tende il mollone caricando l’arma. Premendo il grilletto, il dente d’arresto libera la ruota che girando sfrega la pietra focaia e accende la polvere da sparo. La catena articolata, definita da Leonardo "molla del foco", è studiata in un altro disegno (Codice Atlantico, f. 987 r.) ed è ricostruita a parte in scala maggiore.

Il modello è basato sul disegno:

  • Codice Atlantico ff. 158 r., 987 r. (1497-1500)
    Milano, Biblioteca Ambrosiana