Banco per esperienze sull'attrito

Banco per esperienze sull'attrito

Inventario n.392
Giorgio Canestrini, 1952 - 1953

“le confregazion dei pesi son di tante varie resistentie, quanto son vari è corpi che ‘nsieme si confregano; e se le superficie de’ corpi che’nsieme si confregano, saranno dense e di resitentie planitia, allora il contatto grande fia d’equal resitenzia a quel del picolo. La confregazione circolare fia equale alla confregazione retta.”

Leonardo è tra i primi a studiare sistematicamente l'attrito ("confregazione") intuendone l'importanza per il funzionamento delle macchine. Distingue l'attrito radente o di strisciamento da quello volvente o di rotolamento. Studia l'attrito dei perni e ne sperimenta il comportamento in funzione della natura e della forma dei materiali a contatto o dell'introduzione di lubrificanti e rulli. In questo banco sono ricostruiti diversi modelli di rulli antifrizione contrassegnati da lettere.

Il modello è basato sui disegni:

  • Codice Arundel f. 41 r. (1500 ca.)
    London, British Library
  • Manoscritto L f. 11 v. (1500 ca.)
    Paris, Institut de France