Draga cavafango

Draga cavafango

Inventario n.12
Luigi Tursini, 1953 - 1956

"il polo ha comodità del potere discendere la rota per profondare l’acqua al palude"

Questa draga per pulire i fondali di canali o di conche lacustri riprende analoghi disegni di Francesco di Giorgio Martini. È posta su due barche e formata da un tamburo cilindrico su cui sono montati quattro bracci terminanti con pale draganti mosse da un sistema di ingranaggi. La conformazione delle casse consente la caduta di fango o pietre in una zattera ormeggiata fra le due barche. La profondità dell'escavazione è regolata dallo scorrimento in verticale del tamburo al quale sono fissate le quattro pale. Mentre la ruota gira a cavare fango, una corda legata alla riva si avvolge intorno all'asse del tamburo spostando la zona di escavazione.

Il modello è basato sul disegno:

  • Manoscritto E f. 75 v. (1513-1515)
    Paris, Institut de France


IL MODELLO 3D