Ponte canale

Ponte canale

Inventario n.41
Alessandro Siriati, 1952 - 1954

"E sappi che questo canale non si po cavare per manco di 4 dinari il braccio, dando a ciascuno operatore 4 soldi il dì, e questo canale si de’ fare da mezzo marzo insino a mezzo giugno, perché i villani, sendo fori del loro ordinario esercizio, s’hanno per buon mercato, e dì sono grandi e ‘l caldo nolli stanca."

Questo ponte canale, disegnato da Leonardo negli anni del ritorno a Firenze, permette di superare un corso d’acqua grazie a una conca. La conca è costituita da una vasca chiusa a valle e a monte da due coppie di portelli battenti che consentono alle imbarcazioni di superare un dislivello d’acqua. Una volta che l’imbarcazione entra nella conca, i portelli a monte si chiudono, mentre dal portello a valle si apre una finestrella secondaria che permette di scaricare l’acqua della conca fino a portarne il livello alla stessa altezza del canale a valle. Dopo di ciò, i portelli si aprono e l’imbarcazione può proseguire il suo corso. In questo modo l’apertura dei portelli è facilitata, non dovendo aprirsi resistendo alla pressione dell’acqua. Nelle note a fianco al disegno Leonardo descrive come costruire le sponde del canale per evitare che l’acqua eroda la ghiaia degli argini. Per problemi legati a possibili piene, indica come costruire il fondo del canale e i periodi migliori per effettuare i lavori con il maggior risparmio economico.

Il modello è basato sul disegno:

  • Codice Atlantico f. 126 v. (1503-1506)
    Milano, Biblioteca Ambrosiana


IL MODELLO 3D