prestiti e comodati

10 febbraio - 13 luglio 2008

La Belle Epoque. Arte in Italia 1880 - 1915

Il Museo è presente alla mostra allestita al Palazzo Roverella di Rovigo con il dipinto "Montmartre" realizzato da Camillo Innocenti nel 1909.

Montmartre



L’opera è uno dei primi capolavori dell'artista, che dal 1907 tralascia i temi legati al folklore per concentrarsi sull’iconografia della donna elegante. 'Montmartre' è dipinto nel suo anno più fortunato, il 1909, ed esposto alla Biennale di Venezia, che lo consacra come artista di fama internazionale. Fa parte di una serie di dipinti influenzati da un soggiorno a Parigi.
Due donne, l’una seduta e l’altra in piedi sullo sfondo, sono avvolte da una calda atmosfera sottolineata da colori avvolgenti e un tratto dinamico e fluente. Eleganti, mondane e raffinate, indossano ampi cappelli e nonostante l’osservatore non ne veda gli sguardi, è allo stesso tempo catturato dalla loro sfuggente bellezza.
Il dipinto riflette il clima intellettuale che animava uno quartieri parigini più frequentati dagli artisti di quegli anni.
Il dipinto fa parte della collezione dell’industriale tessile Guido Rossi, donata al Museo nel 1958.

La mostra 'La Belle Epoque'



La mostra concentrerà a Palazzo Roverella circa 110 dipinti e una trentina di affiches. Per raccontare, lungo il fil rouge del ritratto femminile, ma non solo, le mode e le pose, le pause dell'intimità e della ricreazione, i momenti pubblici con le escursioni al parco o alle riviere, le promenade e i rendez-vous, le sfilate di moda, le gite al lago o al mare, la vita notturna nei teatri e nei tabarin, i veglioni, i casinò, le passeggiate a cavallo, i riti mondani, le galanterie ma anche i vizi e gli eccessi di quest’epoca.

Al centro sempre lei, la donna. Tra vanità e seduzione, tra l’autoreferenzialità del lusso, fantasie e vanità senza freno e gli estremi dell’alcol e della morfina.
Specchio di un tempo nel quale l’obbligo della felicità, imprescindibile, diventava sempre più emotivamente oneroso.
All’orizzonte, tensioni sociali, scontenti, rivolgimenti che portarono a offuscare le melodie delle orchestre con il cupo rombo dei cannoni.

L'autore: Camillo Innocenti



Camillo Innocenti (Roma, 14 giugno 1871 - 4 gennaio 1961), allievo di L. Seitz, è amico di pittori veristi come Mancini e Michetti. Espone al Salon di Parigi e alla Biennale di Venezia. I temi preferiti sono il folklore popolare e l’immagine femminile.

Informazioni


Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
T 049 876 185 5 - Fax 049 657 335
info@fondazionecariparo.it
Scheda dettagliata mostra

Un particolare del dipinto "Montmartre" di Camillo Innocenti

Informazioni

Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo T 049 876 185 5 - Fax 049 657 335 info@fondazionecariparo.it Scheda dettagliata mostra


Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio