• Home
  • News
  • Mostra “Guglielmo Marconi Premio Nobel, 1909-2009”

mostre

Da giovedì 10 dicembre a domenica 10 gennaio

Mostra “Guglielmo Marconi Premio Nobel, 1909-2009”

Nel dicembre 1909 Guglielmo Marconi ha ricevuto a Stoccolma il Premio Nobel per la Fisica. Esattamente cento anni dopo è allestita a Bologna (Palazzo d'Accursio in piazza Maggiore) la mostra “Guglielmo Marconi Premio Nobel 1909-2009”, che ricorda l'inventore bolognese e la formidabile impresa che lo ha portato a meritare quel premio. La mostra si avvale del contributo scientifico del Museo, che cura la Sezione dedicata a Guglielmo Marconi imprenditore e arricchisce il percorso della mostra con cinque oggetti storici della propria collezione, una tra le maggiori al mondo. (Leggi il contributo “Marconi inventore, imprenditore e scienziato” a cura di Massimo Temporelli, curatore del Dipartimento Comunicazione del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia). Sede principale della mostra è Sala d'Ercole di Palazzo d'Accursio. Un percorso che, attraverso pannelli esplicativi, strumenti d'epoca, apparati interattivi, animazioni, video e grafici multimediali cala il visitatore in un’atmosfera da primi del '900 . È possibile esplorare le premesse del balzo improvviso dell’impresa di Guglielmo Marconi, gli sviluppi tecnologici e industriali da lui portati avanti con determinazione, il trionfo del suo sistema di telegrafia senza fili e la vicenda che lo ha portato a vincere il Nobel, all’età di 35 anni. Benché nominato al premio già in anni precedenti, l'attribuzione è stata decisa solo nel 1909, forse per il clamore della notizia del salvataggio dei passeggeri del transatlantico Republic che ha mostrato al mondo l'utilità del radio-soccorso e delle invenzioni di Marconi. La motivazione esatta della Reale Accademia delle Scienze di Svezia è: “...a riconoscimento del contributo dato allo sviluppo della telegrafia senza fili”. Il percorso espositivo termina nel ventunesimo secolo, sul pianeta Terra, dove le intuizioni di Marconi costituiscono la struttura portante del comunicare quotidiano. Ma si guarda anche oltre, nello Spazio, abitato da satelliti e osservato da radio-telescopi che ancora una volta mostrano la grandezza di Guglielmo Marconi, pioniere del wireless. Alla mostra si può “interagire” con alcuni dispositivi: il telegrafo Morse, il detector magnetico e il detector a cristallo di carborundum. Non manca il contributo di oggetti dalla Fondazione Marconi/Collezione Maurizio Bigazzi – in parte ri-assemblati o addirittura appositamente ricostruiti per la mostra con materiali dell'epoca. Sono inoltre esposti alcuni oggetti della Collezione del Generale Francesco Cremona che ci riportano nel mondo della radiotelegrafia della Prima Guerra Mondiale. Completa la mostra un kit educativo con proposte di laboratorio da svolgere in classe, in maniera autonoma o con l’aiuto di un operatore, sul tema della “Comunicazione”. I materiali predisposti consentono di ripercorrere per tappe la storia dei sistemi di trasmissione delle informazioni utilizzati nell’antichità sino ad arrivare alla “rivoluzione marconiana” con l’utilizzo delle onde elettromagnetiche. In occasione della mostra, il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario del Premio Nobel a Guglielmo Marconi cura il volume “Guglielmo Marconi. Un Nobel senza fili”, edito da Bononia University Press, a cui Massimo Temporelli, curatore del Dipartimento Comunicazione del Museo, contribuisce con il saggio “Leggere gli oggetti come fonti storiche primarie“. La mostra non si esaurisce nella Sala d'Ercole: sono presenti isole espositive collaterali in Salaborsa e nel cortile d'onore di Palazzo d'Accursio. Inoltre, si segnalano come sedi periferiche che offrono attività collegate al tema della mostra e più in generale alla storia dell’elettricità e delle radiocomunicazioni: il Museo del Patrimonio Industriale (via della Beverara 123, Bologna), il Museo Marconi di Villa Griffone a Pontecchio Marconi (BO) e il Museo della Comunicazione e del Multimediale G. Pelagalli (via Col di Lana 7/N, Bologna). La mostra “Guglielmo Marconi Premio Nobel 1909-2009” è promossa e realizzata da Regione Emilia- Romagna, Comune di Bologna, Fondazione Marconi, Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario del Premio Nobel a Guglielmo Marconi (presieduto dall'Ateneo bolognese nella persona del Professor Pier Ugo Calzolari), con il contributo scientifico del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, con il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione Generale per i beni librari e gli istituti culturali, dell'Ufficio Scolastico Regionale dell'Emilia Romagna e della Provincia di Bologna, con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Telecom Italia, Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Regionale Emilia Romagna, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna. INFORMAZIONI “Guglielmo Marconi Premio Nobel 1909-2009” Sala d'Ercole di Palazzo d'Accursio, Piazza Maggiore 6 - Bologna Apertura: 11 dicembre 2009 - 10 gennaio 2010, tutti i giorni, dalle 9.30 alle 18.30. La mostra chiude eccezionalmente il 25 dicembre e il 1° gennaio. Chiusura anticipata alle ore 14 il 24 e il 31 dicembre. Ingresso: libero. Visite guidate: su prenotazione (T 051 6356611); il 26 dicembre e il 6 gennaio, alle ore 16, visita e attività ludico-educative riservate ai bambini.


Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio