eventi

Da Sabato 31 marzo 2012

Energia al Museo

Il Museo, nell’Anno internazionale dell’energia sostenibile per tutti, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, ha inaugurato la nuova sezione espositiva dedicata al Sistema energetico e il rinnovato laboratorio interattivo (i.lab) Energia & Ambiente, realizzati con il finanziamento di Regione Lombardia, UnionCamere Lombardia, Camera di Commercio di Milano e grazie alla sponsorizzazione di ABB e della Esso Italiana. Parole come "risparmio ed efficienza", "fonti fossili e fonti rinnovabili", "reti di distribuzione", "certificazione energetica degli edifici" piuttosto che "impianti a biomasse", "parco eolico offshore", "generazione distribuita" entrano nel vocabolario comune ma spesso ci restano un po' oscure. Seguendo la sua missione, il Museo si propone come un luogo in cui i cittadini possono trovare gli strumenti per orientarsi su temi complessi che li toccano da vicino quotidianamente. SEZIONE SISTEMA ENERGETICO Oggi il tema dell’energia è al centro del dibattito pubblico soprattutto in relazione alla grande sfida di riuscire a soddisfare la crescente domanda energetica mondiale in modo sostenibile sotto il profilo ambientale, economico e sociale. La nuova sezione presenta gli attori che compongono il sistema energetico: fonti, reti e utilizzatori. Vengono evidenziati i principali aspetti tecnici, le prospettive di cambiamento e l’importanza della consapevolezza e del contributo di tutti. Perché è fondamentale la differenza fra fonti primarie (come petrolio, vento, sole) e secondarie (ad esempio elettricità e idrogeno)? Che cos’è il pacchetto clima-energia, detto anche 20 20 20? Una serie di icone aiutano a orientarsi visivamente fra i concetti-chiave del sistema energetico. Il visitatore può giocare per mettere alla prova le proprie conoscenze e ipotizzare in quali percentuali l’energia che consuma viene prodotta dalle diverse fonti. Alla fine può confrontare la propria analisi con i dati ufficiali. Una casa di bambole aiuta a scoprire su cosa si basa e a che cosa serve la certificazione energetica degli edifici, un frigorifero Fiat degli anni ’60 permette di fare chiarezza sull’efficienza degli elettrodomestici, mentre l’esposizione della “scala evolutiva” delle lampadine evidenzia come i cambiamenti nella tecnologia, dalle prime Cruto ai moderni led, abbiano permesso di passare dal 5 al 50% di energia trasformata in luce. Per evidenziare la complessità di alcune "questioni aperte" il visitatore può comporre il suo telegiornale, scegliendo le notizie e i commenti, scoprendo che su temi come fonti rinnovabili, evoluzioni e limiti della rete o generazione distribuita, i pareri, tutti autorevoli, possono essere opposti. Il telegiornale così composto, condotto da due pupazzi animati, viene trasmesso in tempo reale su un grande televisore nella sala. È possibile anche rivedere i tg composti dagli altri visitatori. Questi sono solo alcuni degli oggetti che il pubblico può vedere e delle attività in cui può cimentarsi nella nuova sezione. promo energy news




Guarda il promo video del Tg Energy News I.LAB ENERGIA & AMBIENTE Quanti sanno che aprendo il frigorifero in una stanza ben sigillata, non solo la temperatura del locale non diminuisce ma addirittura aumenta? Nell’i.lab Energia & Ambiente, sperimentando con cilindri e pistoni, aria e acqua, si scopre che l’energia ha le sue leggi che non sempre ci fanno comodo, ma che possiamo cercare di sfruttare per averne il massimo vantaggio. E chi potrebbe dire che l’energia contenuta in un litro di benzina è più del fabbisogno calorico giornaliero di 3 uomini adulti? L’energia ha molte facce e nel laboratorio adulti e bambini imparano ad allenare il loro “sguardo energetico”: sfruttano fonti rinnovabili e fossili per "estrarre" energia, la mettono in rete grazie alla corrente elettrica, la utilizzano e provano ad accumularla, attraverso esperimenti svolti a piccoli gruppi, per facilitare la cooperazione e lo scambio di idee. Usando i propri muscoli si fa il ghiaccio a partire dall'acqua o si sfruttano i raggi del Sole per far muovere un motore: con l’aiuto dell’animatore scientifico anche risultati inattesi non restano semplici curiosità ma vengono messi in relazione con situazioni che ciascuno può aver sperimentato. L’ambiente informale del laboratorio, caratterizzato da cavi elettrici colorati che solcano le pareti connettendo fra loro le postazioni dedicate alla sperimentazione e tutte le installazioni interattive presenti in laboratorio, facilita il coinvolgimento e la scoperta. L'ENERGIA AL MUSEO Dal 1958 il Museo presenta il tema dell’energia, attraverso una collezione di oggetti storici del XIX e XX secolo, tra cui alcune spettacolari motrici a vapore come la Regina Margherita che fa bella mostra di sé all’ingresso e con modelli di tecnologie più antiche. L’esposizione si è nel tempo allargata ai dispositivi per sfruttare le energie rinnovabili e negli ultimi anni è in corso un lavoro di aggiornamento che, attraverso l’area di raccordo Energia & Materiali ha permesso di evidenziare lo stretto collegamento fra l’energia e la materia e che in alcuni anni permetterà di presentare in modo più completo fonti e filiere energetiche. COME E QUANDO VISITARE LA NUOVA SEZIONE SISTEMA ENERGETICO E L’I.LAB ENERGIA & AMBIENTE La sezione Sistema energetico è liberamente visitabile negli orari di apertura del Museo. L’i.lab Energia & Ambiente, oltre a essere fruibile dalle scuole su prenotazione, sarà aperto al pubblico a rotazione con gli altri laboratori del Museo durante i fine settimana (sabato pomeriggio e domenica), nei festivi e durante le vacanze scolastiche. A partire dall’inaugurazione sono previsti weekend speciali dedicati all’energia: sabato 31 marzo e domenica 1 aprile, da sabato 28 aprile a martedì 1 maggio, sabato 19 e domenica 20 maggio, con visite guidate alla sezione e percorsi nel laboratorio. Le attività per i visitatori avranno la durata di 45 minuti circa e saranno prenotabili il giorno stesso presso l’infopoint del Museo. La metodologia proposta mira a coinvolgere i visitatori in modo attivo, invitandoli ad agire, a osservare ed esplorare i fenomeni. L’obiettivo è far emergere i nodi importanti, di sintesi e di collegamento con la vita quotidiana attraverso un percorso di sperimentazione, di domande, di ipotesi e di verifiche tipico del metodo scientifico. Il programma dettagliato delle attività sarà consultabile alla pagina weekend e festivi



Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio