• Home
  • News
  • MUSEOSCIENZAPP, IL MUSEO IN TASCA

museo

DAL 21 GENNAIO 2015

MUSEOSCIENZAPP, IL MUSEO IN TASCA

MuseoscienzApp è l’applicazione, progettata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci in partnership con Samsung e sviluppata da ETT, offerta ai visitatori come risorsa per l’orientamento negli spazi ampie complessi del Museo e per la fruizione di contenuti aggiuntivi e targettizzati.


MuseoscienzApp intende essere uno strumento utile e di servizio: per l’orientamento fornisce geolocalizzazione e navigazione guidata, come arricchimento dell’esperienza della visita fornisce contenuti speciali e integrativi, multimedialità, percorsi tematici e targettizzati. Non è intenzione del Museo esortare i visitatori a passare molto tempo della visita con lo sguardo sul display dello smartphone; anche per questo tutti i contenuti offerti dall’applicazione possono essere salvati sul proprio dispositivo e fruiti successivamente.

MuseoscienzApp è stata progettata come strumento versatile, costantemente arricchibile e aggiornabile in modo da poter diventare una risorsa in più per ogni nuovo progetto o attività del Museo e soprattutto un punto di riferimento costante per i visitatori.

Il progetto MuseoscienzApp rientra nella più ampia strategia digitale del Museo. Da più di 15 anni infatti il Museo integra la cultura digitale tra i propri temi e utilizza linguaggi e tecnologie digitali come strumenti al servizio dei visitatori. Il digitale come tessuto connettivo che unisce le molteplici finalità, anime e attività del Museo, le rinnova, le potenzia e le pone in dialogo regalando all’istituzione e ai suoi fruitori nuove opportunità.

ORIENTAMENTO

La app consente al visitatore di capire dove si trova all’interno del Museo, cosa c’è intorno a lui, quali sono le diverse sezioni del Museo e tutti i luoghi di servizio, di consultare brevi informazioni su ogni punto d’interesse e di essere guidato fino a quello da lui scelto.

Attraverso la funzione Dove sono l’utente può usufruire di una navigazione libera. Viene posizionato sulla mappa del Museo, può consultare la mappa e vedere oltre alla sezione in cui si trova anche quali sono quelle intorno a lui, avere un elenco di tutte le sezioni espositive, luoghi d’interesse e punti di servizio del piano o edificio in cui si trova (o volendo di tutti gli altri piani ed edifici), individuarli interattivamente sulla mappa, leggere sintetiche informazioni a riguardo.

Può quindi scegliere un punto di suo interesse e chiedere all’applicazione di condurlo lì, passando a una modalità di navigazione guidata. 

Con la funzione Dove voglio andare l’utente può usufruire di una navigazione guidata. Può consultare l’intero elenco di sezioni espositive, luoghi d’interesse e punti di servizio del Museo, leggere sintetiche informazioni a riguardo e chiedere alla app di condurlo in un punto da lui scelto.

A quel punto entra in funzione un vero e proprio servizio di navigatore all’interno del Museo: sulla mappa viene creato il percorso che il visitatore dovrà fare per raggiungere il punto da lui scelto e questi potrà seguirlo continuando a vedere il proprio posizionamento sulla mappa durante il percorso.

 

PERCORSI

In questa sezione vengono proposti al visitatore diversi percorsi con la possibilità di accedere a contenuti scelti. Possono essere percorsi che uniscono punti distanti tra loro nel Museo (come il percorso Highlights) oppure percorsi racchiusi in uno spazio circoscritto (come il percorso Spazio). Nel caso di un percorso in punti lontani tra di loro l’applicazione usa la funzione di navigazione guidata per condurre il visitatore da un punto all’altro del percorso. Giunto in prossimità di uno dei punti del percorso l’applicazione segnala all’utente il raggiungimento del punto e la presenza di contenuto dedicato. Nel caso di un percorso racchiuso in uno spazio circoscritto il visitatore può muoversi liberamente nello spazio espositivo, senza essere guidato da un punto a un altro, e ricevere una notifica (visiva e sonora o attraverso vibrazione) nel momento in cui si trova in un punto nel quale c’è del contenuto dedicato fruibile.

 

OGGI AL MUSEO

In questa sezione il visitatore può vedere qual è l’offerta del Museo aggiuntiva rispetto alla visita delle sue sezioni espositive permanenti: le mostre temporanee, le visite guidate all’interno del Toti, appuntamenti speciali (aperti a tutti), le attività interattive nei laboratori nel fine settimana, gli appuntamenti della Tinkering Zone etc. Queste informazioni sono fruibili attraverso un calendario giornaliero, al visitatore verrà presentato il programma del giorno e avrà la possibilità di scorrere i giorni successivi (tenendo conto che il calendario delle attività viene programmato e caricato on-line gradualmente nel tempo).

COME FUNZIONA LA APP?

Sia per il servizio di geolocalizzazione nello spazio (indoor mapping) che per l’individuazione degli hotspot di cui i percorsi sono composti l’applicazione dialoga con delle antenne Bluetooth Low Energy chiamate beacon. L’intera superficie espositiva del Museo è mappata grazie al posizionamento di più di 300 beacon; il dialogo tra il segnale dei diversi beacon in prossimità e la app consente il posizionamento del visitatore che usa MuseoscienzApp sulla mappa del Museo.

I beacon collocati invece vicino agli oggetti o punti che formano uno dei Percorsi consentono alla app di sapere che un visitatore si trova in prossimità di un hotspot di un percorso e, nel caso il visitatore stia seguendo il percorso, di inviargli il contenuto dedicato.

Tutti i contenuti dei Percorsi non sono precaricati sulla app ma vengono scaricati via wifi. Nel caso di percorsi in uno spazio circoscritto (ad es. il percorso Spazio) un wifi aperto (con id Museoscienza) è segnalato e a disposizione del visitatore; quando il beacon di un hotspot segnala alla app la presenza di contenuto e il visitatore decide di fruirlo questo viene scaricato al momento attraverso il wifi attivo.

Nel caso di percorsi che uniscono punti distanti tra loro, in luoghi non coperti da wifi, il contenuto viene scaricato precedentemente, direttamente alla prima apertura dell’applicazione e poi semplicemente richiamato dalla app nel momento in cui un beacon segnala che il visitatore è in prossimità di uno dei punti del percorso.

All’ingresso del Museo, dove viene comunicata e promossa l’applicazione, è sempre attivo il wifi Museoscienza, aperto e utilizzabile da tutti i visitatori per scaricare sia l’applicazione che quindi tutti i contenuti dei percorsi suddetti. Il visitatore quindi non dovrà mai usare la connettività dati del proprio piano tariffario e soprattutto i visitatori stranieri potranno usufruire della app senza dover usare il roaming dati.

Inoltre questo funzionamento consente al Museo di poter cambiare, modificare, aggiornare, correggere, arricchire tutti i contenuti di tutti i Percorsi in qualsiasi momento, senza dover ricaricare l’applicazione sugli store e chiedere agli utenti di aggiornarla. Alcuni beacon aggiuntivi possono essere usati dal Museo in qualsiasi momento, associandoli a nuovo contenuto e collocati temporaneamente in punti scelti all’interno degli spazi espositivi. In questo modo il Museo può usare MuseoscienzApp sia come supporto ad attività di breve durata (un evento, un weekend tematico) che per attività di altra natura (caccie al tesoro, promozioni commerciali etc.).

DATE E PIATTAFORME D’USO

• MuseoscienzApp è disponibile dal 21 gennaio 2015.

• È in lingua italiana e inglese.

• È gratuita.

• È attualmente ottimizzata per smartphone provvisti di Bluetooth Low Energy

(gli smartphone di fascia media e fascia alta usciti sul mercato negli ultimi

4 anni circa).

•  L’applicazione è disponibile su Google Play Store per i dispositivi Android

 

 




Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio