5° Festival Internazionale del Documentario

Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà

Milano, dal 12 al 15 settembre 2019

Ingresso gratuito alle proiezioni (fino a esaurimento posti)

Il Museo quest’anno è partner culturale del Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà, l’evento organizzato dalla società di produzione FRANKIESHOWBIZ che dal 12 al 15 settembre 2019 trasformerà Milano in capitale del cinema del reale.

Il Museo e il Teatro Litta saranno i luoghi del Festival 2019 e ospiteranno anteprime internazionali e nazionali, incontri, masterclass ed eventi speciali.

Il Festival anche quest’anno sarà uno degli eventi principali della seconda edizione di Milano Movie Week, programma promosso dal Comune di Milano dedicato al cinema e all’audiovisivo.

Sono molti i punti di contatto tra il Museo e un Festival che valorizza il cinema del reale. I temi dei film selezionati, in particolare nel concorso internazionale, spesso sono gli stessi che il Museo affronta con i suoi diversi linguaggi. Non è solo un'affinità di contenuti ma anche di metodo, perché raccontare la storia e le trasformazioni del presente, essere cioè il ‘Museo del divenire del mondo’, secondo le parole del fondatore Guido Ucelli, è da sempre la missione del Museo.

Inoltre, il legame fra Museo e cinema documentario si ritrova fin dai primi anni di attività del Museo: l’Auditorium che ospiterà le proiezioni del Festival nasce nel 1954 proprio come sala cinematografica in piena regola che nei primi anni proietta esclusivamente documentari.




Il Festival Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà offrirà al pubblico l’occasione per riflettere sul mondo contemporaneo e su temi di fortissima attualità, con l’obiettivo di favorire la conoscenza e la diffusione del cinema documentario italiano e internazionale in uno spirito di dialogo.
La missione del Festival è far conoscere e promuovere in Italia e all’estero la creatività e la produzione italiana del feature documentary, trovare finanziamenti, fare emergere nuove realtà e registi.

Anche per il 2019 il Festival conferma le principali sezioni.

L’Auditorium del Museo ospiterà le proiezioni dei titoli del Concorso Internazionale A Window onto the Future rivolto alle produzioni indipendenti straniere, una selezione di film documentari in anteprima per l’Italia incentrati su avvenimenti contemporanei, idee, eventi e persone che influenzeranno il nostro futuro.

Le altre sezioni del Festival saranno il concorso Storie dal mondo contemporaneo, rivolto ai giovani cineasti italiani, e Fuori Concorso, con la proiezione di alcuni dei più prestigiosi e significativi film documentari della migliore produzione italiana.
Atteso anche l’appuntamento Industry, Visioni Incontra, solo per accreditati ed esclusivamente dedicato al settore, che si terrà nei primi due giorni del Festival il 12 e il 13 settembre.

Ingresso gratuito alle proiezioni (fino a esaurimento posti)

LA “SALA CINEMA” DEL MUSEO: UN LUOGO STORICO


L’attuale Auditorium del Museo, ristrutturato pochi anni fa, aprì nel 1954 come sala cinematografica interna, con una programmazione quotidiana. La sala aveva più di 600 posti ed era dedicata alla “Cinematografia educativa e culturale”: nei primi anni si proiettavano esclusivamente documentari. Intorno al 1960 divenne uno dei primi cinema d’essai di Milano, con retrospettive curate e originali.
Il primo film proiettato, il 3 ottobre 1954, fu “Sesto Continente” dell’allora esordiente Folco Quilici, che lo girò seguendo un’importante spedizione scientifica nel Mar Rosso.

Voluta dal fondatore del Museo, l’industriale milanese Guido Ucelli, la sala porta la firma prestigiosa dell’architetto Piero Portaluppi. Oggi, con l’adeguamento agli standard contemporanei e la riduzione dei posti a 234, non ha comunque perso il suo fascino vintage, ancora visibile nel magnifico soffitto a lunette, nei muri sinuosi e nel pavimento che sale verso lo schermo.

Tutte le immagini e i documenti della gallery provengono dagli archivi storici del Museo.