ARCHIVIO Summer school per insegnanti

< TORNA


2017

ALLA TAVOLA DELLE BIODIVERSITÀ


Un modulo di attività sperimentali e discussioni per affrontare il tema della biodiversità, punto di partenza (o di arrivo) per parlare di cibo, agricoltura e ambiente.
Partiamo dal tema centrale della varietà delle forme viventi presenti in natura con caratteristiche nutrizionali specifiche per costruire una serie di percorsi esperienziali di attività e ricerca da proporre in classe per creare percorsi aperti e interconnessi sul tema della biodiversità.
Nell’ i.lab Alimentazione sperimentiamo le proprietà dei cibi in relazione al colore e riconosciamo odori e sapori nuovi per farci guidare dal gusto nella conoscenza degli alimenti.
Nell’ i.lab Genetica mettiamo a confronto le piante per sperimentare la selezione dei caratteri, il ruolo dell’uomo e dell’ambiente, il materiale genetico.
Usciamo dal Museo e andiamo insieme alla ricerca di una situazione che racconti la biodiversità vicina a noi.
Alla fine del corso sarà distribuito un mini kit di strumenti per gli insegnanti per iniziare a sperimentare sul tema.

PER CHI
Insegnanti della scuola secondaria di I grado.

QUANDO E DOVE
Il corso si svolge negli i.lab Alimentazione e i.lab Genetica del Museo
5, 6, 7 settembre 2017 • 9.30 - 17.30

INFO & ISCRIZIONI
Compilare il modulo on-line a questa pagina
Il corso ha un costo di 200 euro a partecipante.
Il corso viene attivato per un minimo di 10 partecipanti e può ospitare al massimo 20 insegnanti.
crei@museoscienza.it

LA FABBRICAZIONE DIGITALE


Negli ultimi anni si è diffusa sempre più la consapevolezza che il saper fare abbia un valore culturale oltre che economico. L’artigiano, persona a cui abitualmente si attribuisce l’arte del saper fare, se al giorno d’oggi vuole mantenere e continuare la sua arte, deve aggiornarsi sulle nuove tecnologie: si dice che il futuro dell’artigiano sia “l’artigiano digitale”. Oggi la fruizione di queste tecnologie è sempre più alla portata di tutti, anche di persone che non sono artigiani. Recandosi in un Fab Lab, se si conosce la strumentazione presente e se ne comprende le potenzialità, ciascuno di noi può utilizzare e fruire personalmente di queste macchine.
L’opportunità di mettersi alla prova con queste tecnologie può e deve incominciare in contesti non necessariamente lavorativi, ma finalizzati alla crescita personale, come la scuola.
Il workshop estivo prevede tre giornate di lavoro sulle macchine e le strumentazione presenti nel Maker Space del Museo. Provando a costruire un artefatto, si lavorerà con stampante 3D, taglierina laser e alcune schede programmabili disponibili in laboratorio.

PER CHI
Insegnanti della scuola secondaria di I grado e del biennio della scuola secondaria di II grado.

QUANDO E DOVE
Il corso si svolge nel Maker Space della Tinkering Zone del Museo
29, 30, 31 agosto 2017 • 9.30 - 17.30

INFO & ISCRIZIONI
Compilare il modulo on-line a questa pagina
Il corso ha un costo di 200 euro a partecipante.
Il corso viene attivato per un minimo di 10 partecipanti e può ospitare al massimo 20 insegnanti.
crei@museoscienza.it

LA CUCINA DELLA SCIENZA: FARE SCIENZE SPERIMENTALI IN CLASSE


La cucina è un luogo speciale che, a voler ben vedere, assomiglia molto a un laboratorio scientifico. Partiamo da quel che facciamo in cucina per esplorare chimica, energia, movimento e stati della materia.
Nella nostra cucina lavoriamo e cuciniamo gli alimenti trasformandoli, allargando lo sguardo al tema generale delle trasformazioni e al regno della chimica.
Lavoriamo sul concetto del cibo che fornisce energia da punti di vista inediti. Ad esempio, l’energia può essere utilizzata per fare sport e sperimentare molti fenomeni scientifici a esso connessi (la rotazione di un frisbee, l’equilibrio dell’andare in bicicletta o sullo skate, il rimbalzo della palla usato in molti sport…).
Per cucinare maneggiamo i cibi che, in qualità di sostanze, possono essere solide, liquide, gassose, granulari o schiume e sperimentiamo come si comportano.
Le attività svolte in prima persona durante il corso possono essere riportate in classe all’interno della propria programmazione per trattare molti argomenti del curriculum scolastico.

PER CHI
Insegnanti della scuola primaria.

QUANDO E DOVE
Il corso si svolge negli i.lab del Museo
26, 27, 28 giugno 2017 • 9.30 - 17.30

INFO & ISCRIZIONI
Compilare il modulo on-line a questa pagina
Il corso ha un costo di 200 euro a partecipante.
Il corso viene attivato per un minimo di 10 partecipanti e può ospitare al massimo 20 insegnanti.
crei@museoscienza.it


2016

LA CUCINA DELLA SCIENZA: FARE SCIENZE SPERIMENTALI IN CLASSE


Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, propone una Summer School rivolta agli insegnanti della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. Obiettivo del corso è fornire strumenti utili per fare laboratorio di scienze in classe e costruire esperienze che possano contribuire a sviluppare nei ragazzi l’interesse per la scienza e la tecnologia e li possano stimolare ad avere un atteggiamento scientifico nella vita quotidiana.

COSA SI FA
La cucina è un luogo speciale che, a voler ben vedere, assomiglia molto a un laboratorio scientifico. Partiamo da quel che facciamo in cucina per esplorare chimica, energia, movimento e stati della materia.
Nella nostra cucina lavoriamo e cuciniamo gli alimenti trasformandoli: possiamo allargare lo sguardo al tema generale delle trasformazioni e al regno della chimica.
Il cibo ci fornisce energia: lavoriamo su questo concetto da punti di vista inediti. Ad esempio l’energia può essere utilizzata per fare sport e per sperimentare molti fenomeni scientifici a esso connessi (la rotazione di un frisbee, l’equilibrio dell’andare in bicicletta o sullo skate, il rimbalzo della palla usato in molti sport…).
Per cucinare maneggiamo i cibi che sono sostanze; e le sostanze possono essere solide, liquide, gassose e alcune dall’identità più sfumata come ad esempio le sostanze granulari o le schiume. Esploriamo attraverso degli esperimenti come si comportano.

Le attività sperimentate in prima persona durante il corso, possono essere riportate in classe all’interno della propria programmazione per trattare molti argomenti del curriculum scolastico.

COME SI FA
La formazione proposta dal Museo è orientata verso un quadro di pedagogia attiva che permette ai partecipanti di:
• acquisire in modo operativo i concetti e gli elementi di base dei temi trattati;
• approfondire la riflessione sull’approccio metodologico;
• assumere l'approccio della ricerca-azione.

Il corso lavora su due livelli di formazione:

1. il livello personale. Dove l’insegnante viene coinvolto nei processi educativi dalla parte di chi apprende, senza che vi siano necessariamente riferimenti alla sua pratica scolastica o al comportamento e all’apprendimento degli allievi;

2. il livello professionale. A questo livello il lavoro precedente, viene tradotto in una riflessione attraverso la quale vengono prese in considerazione le metodologie educative capaci di facilitare questo tipo di apprendimento che parte dall’esperienza: lavoro collaborativo e indagine attiva dei fenomeni (metodologie alla base dell’educazione informale).


QUANDO SI FA
Il corso si svolge in 3 giornate negli i.lab del Museo.

Per insegnanti della scuola primaria:
29, 30 e 31 agosto 2016 dalle 10.00 alle 17.00.

Per insegnanti della scuola secondaria di I grado:
5, 6 e 7 settembre 2016 dalle 10.00 alle 17.00.


INFO E ISCRIZIONI
Per iscriversi è necessario compilare il seguente modulo online entro il 15 luglio 2016.
Il corso ha un costo di 200 euro a partecipante.
I corsi verranno attivati per un minimo di 10 partecipanti e possono ospitare un massimo di 20 insegnanti per ciascuno.
Il Museo è soggetto accreditato dal MIUR per la formazione del personale della scuola (Direttiva Ministeriale 90/2003).

ORGANIZZAZIONE E PRENOTAZIONI

email prenotazioni@museoscienza.it
T 02 48555 558
F 02 48010 055
orari 09.00 - 14.00
da lunedì a venerdì

In primo piano

I.LAB MATEMATICA
DAL 10 OTTOBRE 2017

Un nuovo laboratorio per fare matematica in modo sperimentale. Tanti percorsi inediti per scoprire come numeri, forme geometriche, grandezze e modelli astratti possano aiutarci a interpretare quello che accade intorno a noi.


Venite in treno

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio