Scuole Aperte

Nell'ambito del programma nazionale "scuole aperte" promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, il Museo presenta alle scuole una proposta di collaborazione per la realizzazione di un laboratorio scientifico a scuola.

Il programma nazionale "scuole aperte"

Il 27 novembre 2008 è stata pubblicata la Circolare del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca relativa al programma nazionale "scuole aperte". Tra le risorse che il Ministero intende finanziare, figura il potenziamento delle conoscenze scientifiche attraverso la didattica laboratoriale e la valorizzazione della professionalità dei docenti e delle strutture scolastiche.

Nella stessa Circolare, il Ministero riconosce ai musei scientifici il ruolo di risorse e di supporto per la scuola, anche dal punto di vista della sperimentazione educativa e delle pratiche di diffusione della cultura scientifica. In quest'ottica la circolare incoraggia esplicitamente la presentazione di progetti sviluppati in collaborazione fra scuole e istituzioni scientifiche.

Visto il successo della cooperazione con le scuole nell'ambito dell'edizione dicembre 2007 del programma nazionale "scuole aperte" e la consapevolezza dell'importanza dell'azione, anche quest'anno il Museo si rende disponibile a collaborare con i docenti nello sviluppo di attività coerenti con le indicazioni ministeriali.

L'offerta

Il Museo offre - alle scuole primarie e alle scuole secondarie di primo e secondo grado - un programma di attività che contribuisce all'avvio di un laboratorio scientifico sperimentale permanente a scuola. L'offerta si articola in diversi pacchetti tematici che prevedono la fornitura di:

  • due giornate di formazione per due docenti;
  • proposte e indicazioni per condurre attività sperimentali;
  • kit di strumentazione scientifica e materiali di consumo selezionati e progettati per favorire la didattica di laboratorio e la partecipazione attiva degli studenti;
  • tutoraggio e sostegno a distanza per tutta la durata dell'anno scolastico di attivazione.

Gli obiettivi

In linea con le indicazioni del Ministero e della Circolare, il progetto si pone i seguenti obiettivi:

  • favorire l'ampliamento dell'offerta formativa e la fruizione degli ambienti e delle attrezzature scolastiche;
  • migliorare negli studenti il livello di apprendimento delle discipline curricolari;
  • promuovere la collaborazione con enti locali, associazioni ed altri soggetti pubblici e privati che operano sul territorio;
  • promuovere reti di scuole e reti interistituzionali, ovvero "patti educativi territoriali".

La metodologia

Il Museo ha potuto sviluppare negli anni una metodologia educativa riconoscibile e innovativa a livello nazionale e internazionale. In particolare, le scelte metodologiche che vengono enfatizzate in questo progetto e nella formazione offerta ai docenti riguardano:

  • la didattica sperimentale, il metodo di laboratorio e il metodo scientifico;
  • il ruolo del docente come facilitatore dell'apprendimento;
  • l'apprendimento attivo e collaborativo sia per i docenti che per gli studenti;
  • la comunità di pratica come base per uno scambio continuo di conoscenze ed esperienze;
  • la formazione per l'utilizzo di strumentazione e per lo sviluppo di esperimenti e attività;
  • la sperimentazione assistita attraverso lo scambio e il supporto continuo.

Nella progettazione delle attività di formazione e dei kit il Museo si avvale dell'assistenza del CREI (il suo Centro di Ricerca per l'Educazione Informale) , la cui azione mira ad indagare le connessioni fra ricerca e pratica educativa e fra educazione formale e informale.

I tempi

I progetti elaborati dalle scuole devono pervenire entro il 21 gennaio 2009 agli UU.SS.RR. o agli UU.SS.PP. di competenza. La selezione dei progetti da parte delle USR si concluderà entro il 28 febbraio 2009. I tempi di realizzazione delle attività saranno definiti dal Ministero e concordati con lo staff del Museo.

Il Museo rimane a disposizione per una consulenza sulla stesura del progetto:
su appuntamento nelle giornate di mercoledì 14 e di sabato 17 gennaio 2009.

Per appuntamenti e informazioni contattare:
Camilla Rossi-Linnemann
T 02 48555 326
progettiscuola@museoscienza.it

Si prega chi fosse interessato alla proposta di contattarci per maggiori informazioni sui contenuti, sui costi e sui tempi di erogazione.

I pacchetti tematici

Leggi nel dettaglio

Informazioni

Camilla Rossi-Linnemann
T 02 48 555 326
Fax 02 48 010 055
progettiscuola@museoscienza.it

Documenti

Proposta di collaborazione (pdf, 220 K)

ORGANIZZAZIONE E PRENOTAZIONI

email prenotazioni@museoscienza.it
T 02 48555 558
F 02 48010 055
orari 09.00 - 14.00
da lunedì a venerdì

Mercoledi' 24 ottobre 2018, in occasione di riprese di un film dedicato a Leonardo, saranno temporaneamente chiusi al pubblico:
- Padiglione Aeronavale +1
(dalle ore 9.30 alle ore 11.00);
- Sottomarino Toti (10.30 - 11.30);
- Leonardo Parade
(dalle ore 11.00 a 14.30);
- Area Spazio
(dalle ore 14.30 a chiusura del Museo).
Ci scusiamo per il disagio.

In primo piano


MOSTRA STRANDBEEST DI THEO JANSEN

FEBBRAIO-MAGGIO
Una grande mostra dedicata all’artista olandese definito dalla critica un moderno Leonardo da Vinci e conosciuto in tutto il mondo per le sue enormi sculture cinetiche chiamate strandbeests, “animali da spiaggia”.
In esposizione creature ispirate alla natura che si muovono in modo realistico sfruttando la spinta del vento.
Partecipa con la tua classe alle visite guidate e alle attività interattive. Sperimenta con i bambini in modo nuovo usando l’immaginazione e la creatività, giocando con l’arte, esplorando meccanismi e mondo animale.
Scopri le attività >


Venite in treno

Facebook

Seguici su Facebook

Youtube

Seguici su Youtube

Gallery fotografiche

Gallery fotografiche

Twitter

Seguici su Twitter

TripAdvisorCommenta su TripAdvisor Audio

Sezione Audio