IL TUBO SENZA SALDATURA

Nell’area acciaio l’esposizione permanente dedicata a un’innovazione che ha rivoluzionato il mondo delle infrastrutture e che si nasconde sotto i nostri occhi in molteplici applicazioni

Un'area espositiva dedicata al tubo senza saldatura, progettata e realizzata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia in partnership con TenarisDalmine e in collaborazione con Fondazione Dalmine. Nel contesto dell’esposizione dedicata all’acciaio è possibile scoprire cos’è un tubo senza saldatura e perché è così importante nella nostra vita quotidiana.

Un oggetto che non si fa notare ma che gioca un ruolo importante in tanti ambiti: dai sistemi di estrazione del petrolio ai gasdotti, dagli acquedotti alle costruzioni, dall’industria alle infrastrutture. L’invenzione del processo Mannesmann alla fine dell’Ottocento ha infatti reso possibile realizzare tubi in grado di resistere a pressioni e stress meccanici elevati.

Il percorso espositivo si sviluppa all’interno dell’area dedicata all’acciaio e permette di esplorare l’innovazione portata dal processo produttivo sviluppato dai fratelli Mannesmann nel 1885. Si potrà scoprire poi come i tubi senza saldatura vengano utilizzati in numerosi ambiti e applicazioni.
L’esposizione si apre con un oggetto storico di grandissimo valore, il laminatoio perforatore Mannesmann, donato nel 1961 al Museo da Dalmine, oggi parte di Tenaris, una delle più importanti aziende siderurgiche in Italia e nel mondo.

Il racconto che prende il via dal fascino dell’oggetto originale ripercorre, attraverso una postazione touchscreen arricchita con documenti e immagini storiche e contemporanee, le tappe fondamentali di questo percorso: dall’invenzione del processo alla nascita dello stabilimento, allo sviluppo della città attorno alla fabbrica, fino agli impianti attuali. Una suggestiva videoinstallazione permette di comprendere il processo di produzione del tubo senza saldatura, mettendo l’accento sulla perforazione della billetta di acciaio e finendo poi con i passaggi che portano al tubo finito.
Ma dove vengono utilizzati i tubi senza saldatura? A questa domanda risponde la seconda parte del percorso, che consente al visitatore di scoprire alcune delle numerose applicazioni del tubo senza saldatura.

Una postazione esplorativa incuriosisce il visitatore con oggetti, di ieri e di oggi, che utilizzano il tubo senza saldatura. Tra questi spiccano il modello degli anni Trenta della Torre Branca (il belvedere e stazione radio che sovrasta il Parco Sempione di Milano), le bombole per ossigeno utilizzate nella spedizione italiana che ha conquistato la vetta del K2 nel 1954, ma anche tubi che sono parte di un impianto airbag o i bracci delle sospensioni per auto da corsa Dallara. Di particolare interesse il modello sezionato di colonna per pozzo petrolifero, un’occasione per concentrare l’analisi sul settore oggi di maggior utilizzo dei tubi senza saldatura: la produzione e il trasporto di idrocarburi. Una grande infografica con visori digitali di approfondimento illustra il fondamentale ruolo del tubo senza saldatura nel settore energetico.

L'INAUGURAZIONE

XV Settimana della Cultura d’impresa

L’inaugurazione, aperta al pubblico, aprirà la XV Settimana della Cultura d’impresa, organizzata da Museimpresa:

SALUTI
Fiorenzo Galli – Direttore Generale del Museo
Michele Della Briotta – Vicepresidente e Amministratore Delegato Dalmine Spa

INTERVENGONO
Peppino Ortoleva – Professore Ordinario di Storia e Teoria dei media dell’Università degli Studi di Torino
Francesca Olivini – Curatore Dip. Materiali del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

partner