LE STORIE I DOCUMENTI GLI ARCHIVI
< RITORNA

I DOCUMENTI

Asse di un timone

SFOGLIA

Bel disegno a stampa, di grande eleganza formale. Il foglio presenta la visione frontale e laterale del timone destro della prima nave romana recuperata dal lago di Nemi nel 1929: le linee tratteggiate integrano le parti mancanti. Si tratta di un manufatto imponente, lungo 12 metri, rifinito da una ghiera in bronzo di circa quaranta centimetri di diametro, decorata da una bella testa di leone reggente nelle fauci un anello passante. Il disegno è un rilievo archeologico diretto e quindi uno strumento scientifico di studio. Guglielmo Gatti – incaricato dalla Soprintendenza al rilievo dei reperti rinvenuti durante le operazioni di recupero delle navi – ha riprodotto fedelmente lo stato di ritrovamento del manufatto, ogni segno lasciato dal tempo e dall'opera degli uomini. Nella visione laterale a destra nel disegno, viene ipotizzata la possibile ricostruzione dell'aspetto originale del timone, effettuata sulla base delle pitture pompeiane e integrata da osservazioni dirette. Il rilievo diretto continua ad essere una tecnica largamente utilizzata ai fini della documentazione archeologica: consente di registrare regolarmente ed in maniera puntuale tutti i dati emersi nel corso delle diverse fasi dello scavo archeologico. Tale documentazione consente di individuare, attraverso lo studio dei manufatti e dei reperti rinvenuti nei diversi strati di terreno, la cosiddetta stratigrafia relativa, ovvero i rapporti cronologici tra gli strati archeologici e di stabilire una successione cronologica del sito, che viene poi registrata in un apposito diagramma denominato matrix. I dati devono essere registrati sul campo, nel corso dello scavo e non potranno più essere recuperati dopo la rimozioni dei reperti e del terreno. Nel rilievo, il disegnatore deve riuscire a tradurre in maniera efficace, attraverso una resa naturalistica, le caratteristiche del sito e dei singoli manufatti. Si tratta di una disciplina che oggi è stata integrata dall'uso di nuove tecnologie grafiche digitali, quali la grafica raster e vettoriale - che si avvale di acquisizione delle immagini attraverso strumenti come lo scanner e la stazione totale laser - e l'elaborazione dei dati attraverso software quali CAD e GIS

COLLOCAZIONE

Archivio storico Museo della Scienza e della Tecnologia / Fondo CNR

TEMA

Archeologia, Beni Culturali

AUTORE

Guglielmo Gatti

LUOGO

s.l.

DATA

s.d.

La storia nel documento

copyright © 2013 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" tutti i diritti riservati

Avvertenze legali e privacy
Crediti