LE STORIE I DOCUMENTI GLI ARCHIVI
< RITORNA

I DOCUMENTI

L'Osservatorio Astrofisico di Asiago

SFOGLIA

Si tratta di un breve articolo apparso sul Corriere della Sera in occasione dell'inaugurazione dell'Osservatorio Astrofisico di Asiago, il più moderno Osservatorio europeo, realizzato dall'Università di Padova. Da quei colli tranquilli dove le notti sono spesso caratterizzate da cielo terso e pulito gli astronomi hanno la grande opportunità di osservare gli oggetti di loro interesse con uno strumento che rappresenta lo stato dell'arte in materia. Con un diametro di un metro e venti centimetri, infatti, il telescopio permette di osservare anche oggetti lontanissimi mentre il corredo di strumentazione accessoria permette di effettuare indagini sia fotografiche che spettrografiche. Per il Regime, ovviamente, una tale meraviglia tecnologica è frutto e dimostrazione delle eccezionali capacità degli scienziati e dei tecnici italiani. Lo strumento è costruito dalle Officine Galileo di Firenze e il suo primo direttore è il prof. Giovanni Silva.

COLLOCAZIONE

Archivio storico Museo della Scienza e della Tecnologia / Fondo CNR

TEMA

Astronomia e Astrofisica, Strumentazioni scientifiche

AUTORE

Giorgio Abetti

LUOGO

Asiago

DATA

23 maggio 1942

La storia nel documento

copyright © 2013 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" tutti i diritti riservati

Avvertenze legali e privacy
Crediti