LE STORIE I DOCUMENTI GLI ARCHIVI
< RITORNA

I DOCUMENTI

La più lunga serie di osservazioni astronomiche del mondo

SFOGLIA

La gloriosa storia dell'antica Specola di Padova inizia nel 1761 anno in cui il Senato della Repubblica Veneta decide la costruzione di un Osservatorio astronomico universitario nella città patavina. Per vedere la fine dei lavori di edificazione dell'Osservatorio occorrono sedici anni ma gli astronomi cominciano a lavorarci già pochi mesi dopo l'inizio dei lavori dedicandosi a misure di tipo astrometrico e a studi di astronomia teorica. I ricercatori si occupano anche della raccolta dei principali dati meteorologici, proseguendo una lunga tradizione che risale all'inizio del Settecento, e a misure di fisica in campo gravimetrico. Leggendo questo documento si possono scoprire i nomi dei più illustri scienziati che hanno lavorato alla Specola insieme a un elenco (necessariamente incompleto) degli strumenti in uso. Del lavoro di catalogazione stellare che appare nel titolo vi è solo un breve accenno nel corpo del testo: si tratta di una pubblicazione del 1840 che (probabilmente) elenca le caratteristiche fisiche dettagliate di 1677 stelle opera del grande astronomo Giovanni Santini arrivato a Padova dall'Osservatorio di Brera di Milano. In chiusura l'autore accenna alla nuova sede osservativa costruita dall'Università di Padova sull'altopiano di Asiago, quello che fu "testimonio del sacrificio degli eroi più fulgidi della razza latina".

COLLOCAZIONE

Archivio storico Museo della Scienza e della Tecnologia / Fondo CNR

TEMA

Astronomia e Astrofisica, Strumentazioni scientifiche

AUTORE

Salvatore Taffara

LUOGO

Padova

DATA

3 febbraio 1941

La storia nel documento

copyright © 2013 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" tutti i diritti riservati

Avvertenze legali e privacy
Crediti