LE STORIE I DOCUMENTI GLI ARCHIVI
< RITORNA

I DOCUMENTI

Inaugurazione del Sempione – Esposizione Internazionale – Milano 1906 – aprile-novembre

SFOGLIA

Locandina originale di piccole dimensioni (cm 16 x 25), che riproduce il famosissimo disegno scelto come immagine ufficiale per l’Esposizione Universale di Milano del 1906, realizzato da Leopoldo Metlicovitz. Il verso della locandina riporta il fitto programma di iniziative che accompagna l’Esposizione. La presenza nella parte superiore di due fori destinati al passaggio di una fettuccia per la sospensione indica la sua destinazione d’uso: l’affissione in luogo pubblico. Il disegno rappresenta il dio del commercio Mercurio, riconoscibile dalle ali presenti sull’elmo: una divinità che nel mondo romano antico portava guadagno, ricchezza, prosperità e civiltà. Per questi motivi, probabilmente, viene scelto come nume tutelare dell’Esposizione, a cui si augura così il successo commerciale ed economico. Nell’antichità Mercurio veniva anche associato al concetto di velocità e infatti nella locandina il dio è ritratto seduto sui respingenti anteriori di una moderna locomotiva. Accanto a lui la personificazione della Scienza. Dall’interno della galleria del Sempione egli guarda in lontananza alla pianura, dove si riconosce la sagoma stilizzata del Duomo di Milano. L’Esposizione Internazionale era infatti dedicata alla celebrazione del traforo del Sempione – inaugurato ufficialmente il 1 giugno 1906 – e che consentiva il collegamento diretto dell’Italia con la Svizzera e il nord Europa. Era organizzata all’interno del parco del Castello e nella Piazza d’Armi. L’ingresso d’onore al Parco riproduceva l’imbocco del traforo del Sempione, versante italiano. Numerosi padiglioni in stile Liberty ospitavano una Galleria del Lavoro di 30.000 mq di superficie, mostre dedicate al traforo, ai trasporti, all’architettura e alle arti decorative, la galleria di Belle Arti, l’acquario, il salone dei festeggiamenti, il salone congressi. Grande successo riscuote il Quartiere Arabo, completo di botteghe, cammelli e danzatrici, che riproduce i luoghi e le atmosfere esotiche della città del Cairo. Una ferrovia elettrica sopraelevata, oltre ad assicurare il rapido collegamento fra le diverse zone espositive, accentua l’impressione di modernità dell’intero complesso. L’Esposizione Universale di Milano venne inaugurata da re Vittorio Emanuele III e dalla regina Elena il 28 aprile 1906. Il successo dell’iniziativa fu strepitoso: alla chiusura si conteranno oltre sette milioni e mezzo di visitatori.

COLLOCAZIONE

Archivio storico Museo della Scienza e della Tecnologia / Fondo CNR

TEMA

Applicazioni industriali, mestieri

LUOGO

Venezia

DATA

1906

La storia nel documento

copyright © 2013 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" tutti i diritti riservati

Avvertenze legali e privacy
Crediti